Gesù Cristo? Secondo ‘The lost years’ era anche esorcista

Con l’espressione gli anni sconosciuti di Gesù Cristo (detti anche anni silenti o anni perduti) ci si riferisce al periodo dell’esistenza del Nazareno compreso tra la sua infanzia e l’inizio della sua missione in terra, corrispondente per l’esattezza all’età che va dai 13 ai 29 anni.

E’ notizia di questi giorni che su questo medioevo cristiano sarà incentrata una miniserie intitolata proprio Jesus: The lost years. Il prodotto, ancora in lavorazione, verrà trasmesso dall’emittente History Channel, mentre non è ancora chiara la sua struttura, se essa assumerà i tratti di una vera e propria serie o se sarà suddivisa in un paio di episodi.

Soprattutto, The lost years mostrerà un Cristo praticamente inedito, nei panni di un esorcista. Basandosi su una controversa documentazione che riferisce dell’attività di Gesù anche come scaccia-demoni, la serie narrerà della consapevolezza che assumerà il figlio di Dio non appena si renderà conto, crescendo, della sua vocazione di esorcista, oltre a tutto quanto il resto.

Questa discussa teoria si scontra apertamente con le fonti ufficiali della storia del Cristo, che riportano svariate abilità sovrannaturali mostrate in vita dal Nazareno (la guarigione dei moribondi, il risveglio dei morti) ma nessun accenno all’attività di esorcista.

Un altro aspetto che rende interessante e appetibile The lost years è il coinvolgimento nel progetto di Eli Roth: il regista di Hostel, nonché attore nel tarantiniano Bastardi senza gloria, si occuperà, insieme ad Eric Newman, della produzione. La sceneggiatura invece sarà affidata a Scott Kosar, autore dello script de L’uomo senza sonno e di alcune pellicole horror, quali La città verrà distrutta all’alba e il remake di Non aprite quella porta.

Dopo averlo visto cacciatore di vampiri e supereroe in due prodotti straordinariamente trash come Jesus Christ Vampire Hunter e Ultrachrist, prepariamoci dunque ad osservare la figura del Dio fattosi uomo come mai abbiamo fatto prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *