Drop the Revenge, denigrazione e offese su Telegram: vittima Diletta Leotta

Operazione della polizia postale Drop the revenge contro gli amministratori di tre canali Telegram con video e immagini denigratorie: tra le vittime Diletta Leotta

Operazione su tutto il territorio nazionale della polizia postale: nell’ambito dell’inchiesta denominata Drop the revenge sono stati identificati e denunciati i tre amministratori di canali Telegram. Su questi canali, “La Bibbia 5.0”, “Il Vangelo del Pelo” e “Stupro tua sorella 2.0”, veniva pubblicati video e immagini a contenuto denigratorio a sfondo sessuale e anche commenti offensive. Tra le vittime anche personaggi del mondo dello spettacolo, come Diletta Leotta.

Le indagini hanno visto l’impegno delle forze di polizia di molte città. Ci sono state perquisizioni e sequestri in tutta Italia. Tra i denunciati anche un 17enne, amministratore del canale ‘La Bibbia 5.0’: il minorenne era riuscito a raccogliere una somma di circa cinquemila euro attraverso la vendita di immagini a carattere pornografico. Ma non solo: tra gli utenti dei tre canali figura anche un 29enne di Bergamo. L’uomo è sotto indagine per aver effettuato revenge porn tramite questi mezzi nei confronti della sua ex compagna.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Chiusura Telegram: app a rischio dopo la scelta della Procura di Bari

Drop the revenge, le accuse agli amministratori dei tre canali Telegram

Drop the revenge: tra le vittime Diletta Leotta
Drop the revenge: tra le vittime Diletta Leotta © Getty Images

L’operazione Drop the revenge ha messo nel mirino i canali di Telegram, già al centro delle polemiche per un’indagine sulla diffusione illegali dei quotidiani. In questo caso l’applicazione di messaggistica era utilizzata soprattutto per vendicarsi di donne con immagini e insulti a carattere sessuale. Migliaia gli utenti iscritti: soltanto uno dei tre canali vantava ben 45mila iscritti e una media di 30mila messaggi al giorno. Una mole di immagini, video e foto, che coinvolgeva anche minorenni: non solo insulti e denigrazione, ma incitamento alla violenza e istigazione al femminicidio e alla pedopornografia.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI >>> Eleonora Boi sfida Diletta Leotta: sui social è caccia al follower!