Jelena Dokic perde 53 kg in 18 mesi: prima/dopo impressionante – FOTO

L’ex tennista Jelena Dokic ha mostrato con fierezza su Instagram una foto in cui mostra la sua trasformazione: è riuscita a perdere ben 53 chili in 18 mesi.

Jelena Dokic, ex tennista di immenso talento, non è riuscita a restare a lungo ai vertici della classifica WTA a causa di numerosi problemi personali che ne hanno condizionato irreparabilmente la carriera. Ora però, con grande forza di volontà, ha deciso di riprendere in mano la propria vita e lo ha fatto anche grazie a una dieta che le ha permesso di perdere 53 chili in 18 mesi.

L’ex tennista serba naturalizzata australiana agli albori della sua carriera è stata capace di vincere sei titoli Wta arrivando addirittura a giocare una semifinale a Wimbledon nel 2000 quando era appena diciassettenne. Vittima per anni di maltrattamenti e percosse da parte del padre, che l’aveva costretta a uno stato di schiavitù che ha generato depressione e gravi problemi mentali, la Dokic in un post su Instagram ha annunciato fiera di aver vinto la sua prima battaglia.

Dokic
Jelena Dokic (foto Instagram)

FORSE POTREBBE INTERESSARTI >>> Tennis, emergenza coronavirus: ATP prolunga la sospensione

Dokic, l’annuncio su Instangram fa il boom di like

Il messaggio in cui con coraggio ha mostrato la foto di come era diventata e della sua trasformazione ha fatto il boom di like.

“Non è mai facile pubblicare queste foto. Però penso sia importante farlo. Qui su Instagram la maggior parte delle cose che si vedono sono belle, ed è giusto sia così. Penso però sia altrettanto importante mostrare la realtà di tutte le storie. Tutti abbiamo a che fare con momenti difficili, con battaglie e viaggi da affrontare. Io posso dire di essere orgogliosa del mio. Non sono qui per vantarmi dei chili che sono riuscita a perdere. Si tratta del mio duro viaggio che non è ancora finito, è in itinere e durerà per lungo tempo. Riguarda la mia battaglia mentale e la battaglia con me stessa. Ero abituata a mangiare, quindi a morire di fame, a sovraccaricare, a sottoporsi a un allenamento eccessivo, a sentirmi triste e in colpa. Era un circolo vizioso e, soprattutto, non amavo me stessa. A volte è ancora difficile trovare l’equilibrio, ma io combatto, ci credo e non mi arrendo. Non importa quante volte cadi, l’importante è quante volte ti alzi e riprovi. È tutto basato sull’equilibrio e, soprattutto: resta forte mentalmente e non smettere di amarti lungo la strada“.

E chissà che ora, in perfetta forma, non decida di rimettere in campo la sua classe con la racchetta e tornare a giocare.