Agenzie Viaggi, tour e bus operator uniti in piazza contro il Governo

Agenzie Viaggi in piazza
Agenzie Viaggi (Getty Images)

Le aziende a rischio chiusura sono tante, fa sapere Giovanni Giordano, referente per la Calabria del Movimento. I provvedimenti pensati dal Governo sono distanti dagli effettivi bisogni delle agenzie di viaggi. Il bando regionale Riapri Calabria prevede dei requisiti così stringenti da escludere circa il 90% delle Agenzie di Viaggi e nelle tasche degli imprenditori non è arrivato nulla di concreto, ne dal governo nazionale nè da quello regionale. I 600€ al al mese non sono sufficienti a sostenere l’azienda e la famiglia. Anche molti dei dipendenti non hanno ricevuto la cassa integrazione.

Questo però non fa venir meno la fiducia e la speranza, nonché la disponibilità al dialogo, in particolar modo con la Regione Calabria, fa sapere Giordano, che si dice ansioso di conoscere i prossimi provvedimenti. Dunque conclude: “Ci auguriamo una massiccia presenza da parte degli operatori del settore in entrambe le manifestazioni per far arrivare il nostro grido d’allarme ed il nostro disagio alla classe politica perché al momento non riusciamo a intravedere una via d’uscita sicura”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Viaggi e Covid-19: le cose da sapere prima di prenotare le vacanze