Omicidio George Floyd, l’omaggio di Bansky: ”E’ un problema bianco”
Omicidio George Floyd, l’omaggio di Bansky: ”E’ un problema bianco”

Omicidio George Floyd, l’omaggio di Bansky: ”E’ un problema bianco”

Mentre l’America continua a protestare, il noto artista Bansky svela il suo omaggio a George Floyd: ”È un problema dei bianchi”

Continuano le giornate di protesta in America a seguito dell’omicidio di George Floyd. Migliaia di persone in tutto il mondo hanno si ribellano contro il razzismo nei confronti degli afro-americani picchiati ed uccisi dalle autorità. Anche a Londra nella giornata di ieri si è svolta una protesta contro il razzismo e sull’argomento è voluto intervenire anche il noto artista britannico Bansky, autore di bellissime opere di critica sociale in tutto il mondo. Tramite Instagram l’artista ha reso nota la sua nuova opera che è un omaggio a George Floyd, appoggiando le proteste di Blacks Lives Matter. Nell’opera è rappresentata la bandiera americana incendiata da una candela accanto alla foto di un uomo senza volto. Ennesima significativa opera di critica sociale che ha scatenato il mondo social, ricevendo più di 2 milioni di like.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Assalto ai giornalisti durante una conferenza stampa: ecco dove

Bansky omaggia George Floyd ed appoggia Black Lives Matter: l’opera

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Banksy (@banksy) in data:

L’artista britannico di cui non si conosce l’identità, Bansky, torna a mostrare una nuova opera d’arte di carattere sociale. Dopo l’omaggio alla sanità mondiale rappresentato dal bambino che preferisce un’infermiera ai supereroi, Bansky decide di appoggiare le proteste americane e omaggiare George Floyd. La sua nuova opera rappresenta la foto di un uomo senza volto, con dei fiori senza colore a terra ed una candela che incendia la bandiera americana appesa ad un muro scuro. L’artista ha voluto commentare l’opera così: “All’inizio ho pensato che avrei dovuto stare zitto e ascoltare le persone di colore su questo problema. Ma perché dovrei farlo? Non è un loro problema, ma è mio. La persone nere falliscono a causa del sistema. Il sistema bianco. Come una tubatura rotta che allaga l’appartamento di sotto. Il sistema rotto rende la loro vita miserabile, ma ripararlo non è compito loro. Non possono, perché nessuno li farà entrare nell’appartamento al piano superiore. È un problema bianco. E se i bianchi non lo riparano, qualcuno verrà al piano di sopra e sfonderà la porta.”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Omicidio George Floyd, Cynthia Brehm shock: “Tutta una messa in scena”