Coronavirus, procura di Bergamo: a dicembre già 110 casi in Val Seriana
Coronavirus, procura di Bergamo: a dicembre già 110 casi in Val Seriana

Coronavirus, procura di Bergamo: a dicembre già 110 casi in Val Seriana

L’inchiesta della procura di Bergamo svela che nello scorso dicembre i casi di Coronavirus sarebbero stati già 110 in Val Seriana. Il virus però ancora non si conosceva.

Arrivano le prime rivelazioni dall’inchiesta della procura di Bergamo. Infatti secondo le indagini ad Alzano Lombardo, in Val Seriana, nello scorso dicembre 2019 i casi di Coronavirus sarebbero stati già 110. Il Covid-19 però ancora non si conosceva nel nostro paese. Infatti mentre in Cina già ci si preparava a combatterlo, qui venivamo presi di sorpresa da un virus ancora senza identità, che solo il 23 febbraio diventerà Covid-19. Ora grazie alle indagini sulla mancata istituzione della zona rossa si svela il periodo dei primi contagi nel secondo focolaio più violento del paese, ovvero quello della Val Seriana.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cina, scoperto nuovo virus potenzialmente pandemico

Val Seriana, già a dicembre più di 100 contagi da Coronavirus: l’inchiesta della procura di Bergamo

farmaco coronavirus
Infermiere Coronavirus (Getty Images)

La procura di Bergamo ha aperto un’inchiesta sulla mancata istituzione della zona rosa nella Val Seriana, la seconda zona più colpita dal Coronavirus. Inoltre si indaga anche sulle RSA, sull’ospedale di Alzano e sulla mancanza di dispositivi di protezione per gli addetti ai lavori. A capo dell’inchiesta c’è il pm Maria Cristina Rota, che ha iniziato a raccogliere le testimonianze di medici, infermieri e dirigenti. Dalle indagini fatte e grazie alle testimonianze, si è riuscito a risalire al fatto che già a dicembre ad Alzano Lombardo erano 110 i casi di Covid-19. Il tutto sarebbe stato sottovalutato dal settore sanitario, arrivando poi dopo due mesi allo scoppio della pandemia in Italia e nel mondo. Quindi stando ai fatti raccolti dall’inchiesta, il virus sarebbe spuntato in Lombardia molto prima rispetto a quanto dichiarato dalla Regione Lombardia, nonostante da Roma gli avvertimenti sul pericolo imminente fossero già arrivati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Allarme a Parigi, uomo armato alla Defense: chiuse tutte le stazioni delle metropolitane