L’America festeggia l’indipendenza: Trump sul monte Rushmore
L’America festeggia l’indipendenza: Trump sul monte Rushmore

L’America festeggia l’indipendenza: Trump sul monte Rushmore

Oggi, 4 luglio, in America si festeggia la festa dell’indipendenza: il presidente Trump sul monte Rushmore per difenderlo, ma non mancano le proteste

In America si festeggia oggi il 244esimo anniversario dell’indipendenza americana, chiamata in inglese ‘Independece Day’. Come ogni anno i festeggiamenti sono accompagnati da fuochi d’artificio e dal discorso del presidente degli Stati Uniti. L’attuale capo dello stato, Donald Trump, tiene il suo discorso sul monte Rushmore, difeso a spada tratta dal presidente dagli attacchi dei democratici, che vorrebbero abbatterlo. Sul posto ben 7.500 persone, senza uso obbligatorio di mascherine nonostante i contagi da Coronavirus in America continuino a crescere. Ovviamente anche in un giorno di festa le proteste contro il presidente U.S.A non si fermano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Alabama, giorno della Festa dell’Indipendenza: sparatoria con bimbo morto

Indipendenza americana, Trump tiene un discorso contro il razzismo e protegge il monte Rushmore: immancabili le proteste

Festa dell’indipendenza in America sul monte Rushmore (Getty Images)

Sono 244 anni che l’America è indipendente dalla Gran Bretagna. Oggi si festeggia l’anniversario dell’indipendenza negli Stati Uniti, con il presidente Trump che nel suo discorso sottolinea lo stop al razzismo, ”anche al contrario” come dichiarato da lui stesso. Tra gli argomenti, anche la difesa a spada tratta del monte Rushmore, che i democratici vorrebbero smantellare. Il famoso monte con i volti dei presidenti gode della protezione di Trump che sostiene che in caso di demolizione verrebbe cancellata la storia americana. Immancabili le proteste contro il presidente U.S.A, dove alcuni manifestanti hanno bloccato le strade. Durante l’intervento delle forze dell’ordine però, sarebbe stato utilizzato dello spray al peperoncino contro gli attivisti, tra cui presenti anche nativi americani. Dunque nonostante sia un giorno di festa, in America le proteste non si fermano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Pesce razzista”. Imbrattata la Sirenetta di Copenaghen