Coronavirus Calabria, quanti positivi tra i clandestini! Numeri record nella regione
Coronavirus Calabria, quanti positivi tra i clandestini! Numeri record nella regione

Coronavirus Calabria, quanti positivi tra i clandestini! Numeri record nella regione

Coronavirus Calabria, sono numerosi i casi di coronavirus accertati all’interno dell’imbarcazione di clandestini pachistani sbarcati in Italia questa mattina

Nuovi casi di positività al coronavirus tra i migranti. Dopo i casi di coronavirus accertati dal volo proveniente dal Bangladesh verso Roma, questa volta arrivano da un’imbarcazione proveniente dal Pakistan. Nella notte di ieri sabato 10 luglio nei preso dello Jonio al largo di Caulonia è stata avvistata un’imbarcazione con a bordo settana migranti, sbarcati questa mattina nel porto di Roccella Jonica. Tra di essi, tutti uomini provenienti dal Pakistan, sono stati accertati numerosi casi di positività al coronavirus. Al momento dell’arrivo nel porto tutti i migranti sono apparsi in buono stato di salute, e fatti scendere con l’ausilio di alcuni volontari della Croce Rossa Italiana. Poi sono stati trasferiti tutti insieme nel palazzetto dello sport di Roccella Jonica, e sottoposti al test. Adesso si attende il completamento dell’esito dei test, in corso a Reggio Calabria, dove sono già emerse le prime positività al covid.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Bollettino Covid-19 11 luglio: 188 positivi, 67 in Lombardia

Coronavirus Calabria, 26 i casi accertati: più degli ultimi 55 giorni

coronavirus test sierologici
Foto di un test per il coronavirus (Foto di Gerd Altmann da Pixabay)

La Calabria è stata fino a questo momento la regione meno colpita dalla pandemia di coronavirus. Il sistema sanitario della regione non è mai andato in crisi, non superando mai il 15% dei posti in terapia intensiva disponibili. Ma nelle ultime ore a causa dei migranti pachistani sbarcati in Regione, si sono verificati più casi rispetto a quelli degli ultimi 55 giorni. Su 70 test effettuati infatti ben 26 sono risultati positivi, seppur tutti asintomatici. Essi adesso sono in isolamento nelle mani della Croce Rossa. Nelle prossime ore anche gli operatori del porto e tutti quelli entrati in contatto con i clandestini saranno sottoposti a tampone.