La mascherina per il volto con traduttore automatico incorporato
La mascherina per il volto con traduttore automatico incorporato

La mascherina per il volto con traduttore automatico incorporato

Una mascherina che permette di tradurre le parole in qualsiasi lingua, in tempo reale. L’idea di una startup giapponese.

L’emergenza Covid-19 impone ancora in molte circostanze e in quasi tutti i paesi del mondo l’utilizzo di mascherine per il volto. I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono generalmente necessari nei luoghi chiusi in cui non sia possibile rispettare il distanziamento interpersonale. Anche nei contesti in cui i contagi sono in diminuzione è ancora presente il bisogno di contenere i rischi di nuove diffusioni del coronavirus.

Molte aziende hanno incrementato l’immissione di mascherine chirurgiche nel mercato. Altre ancora, non attive nel settore dei DPI, hanno deciso di riconvertire la produzione. E altre sono nate da zero, con l’ambizione di arricchire l’offerta. Una startup giapponese, Donut Robotics, ha da poco sviluppato il prototipo di una mascherina per il volto in grado di tradurre in altre lingue le parole pronunciate dalla persona che la indossa.

La C-Mask, questo il nome dato alla mascherina, dovrebbe essere in vendita da settembre al costo di 3,980 yen (circa 33 euro) dapprima in Giappone e poi anche in Europa e negli Stati Uniti. Ne saranno prodotte in una prima fase 5 mila unità destinate al mercato giapponese. La startup sta raccogliendo fondi tramite autofinanziamento su una piattaforma di crowdfunding e il progetto ha già superato 28 milioni di yen (più di 230 mila euro).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La mascherina auto-igienizzante: basta collegarla a una presa elettrica

Come funziona la C-Mask, la mascherina con il traduttore

mascherina traduttore automatico
(Donut Robotics/YouTube)

Il funzionamento della mascherina richiede la presenza di una connessione Internet e l’abbinamento a uno smartphone o a un tablet. Taisuke Ono, CEO della startup Donut Robotics, ha spiegato che la mascherina può tradurre dal giapponese in altre otto lingue. Si connette tramite Bluetooth a una app che trascrive le parole in versione testuale e rimanda il messaggio vocale in versione tradotta, e può anche regolare il volume della mascherina stessa.

Secondo il CEO di Donut Robotics la C-Mask è un prodotto potenzialmente in grado di sopravvivere nel mercato anche in un contesto senza più pandemia.