Truffe call center, quelli che si spacciano per Agcom

Aumentano le segnalazioni di truffe telefoniche da parte di call center che sfruttano il nome Agcom per proporre servizi non richiesti.

Nei mesi scorsi l’isolamento forzato della popolazione a causa della pandemia ha avuto tra i numerosi effetti indiretti anche la notevole crescita di segnalazioni di truffe sia su Internet che per telefono. Da qualche settimana l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) ha messo in guardia i consumatori da alcune truffe messe in piedi da call center che tentano di sfruttare il nome dell’Autorità.

La notorietà e centralità dell’Agcom nel dibattito pubblico in tema di tutela dei cittadini rappresenta per questi operatori un argomento tanto solido quanto illegittimo. È di fatto usato da questi call center per convincere il consumatore a sottoscrivere offerte indesiderate. In molti casi è una semplice parola utilizzata – impropriamente e illecitamente – per introdurre la conversazione. In questo modo il cliente è indotto a ritenere affidabile e rassicurante la proposta commerciale che riceve in seguito.

Altre volte la proposta commerciale è camuffata da vero e proprio servizio a tutela del consumatore, quindi con ridottissimi margini di scelta lasciati al cliente stesso. Si tratta di una delle consuete tecniche di “ingegneria sociale” studiate per compiere truffe a distanza. La telefonata crea un senso di urgenza o di allarme infondato, sfruttando la reputazione di un ente totalmente estraneo alla truffa stessa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Iliad, un SMS promette ricarica online che vale doppio ma è una truffa

Agcom, la truffa dei call center e i consigli per difendersi

truffa agcom call center
(Pexels)

Un video diffuso dall’Autorità stessa spiega quali sono le espressioni generalmente utilizzate dai call center autori di queste truffe. Presentarsi come “un funzionario dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni” è già una frase sospetta, se seguita da una proposta commerciale. Altri operatori telefonici asseriscono di lavorare per il Conciliaweb, una piattaforma di mediazione che fa capo ad Agcom.

Un’altra tecnica utilizzata dai call center è quella di segnalare un imminente aumento delle tariffe o una qualità scadente del servizio dell’operatore del cliente contattato per telefono. Segue naturalmente suggerimento su un altro operatore con cui sottoscrivere un nuovo contratto. L’Agcom ribadisce che l’Autorità non chiama mai per proporre tariffe telefoniche né per vendere beni o servizi.