Coronavirus, Roberto Speranza firma nuova ordinanza. I dettagli

Coronavirus, il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato una nuova ordinanza che prevede restrizioni per chi arriva da alcuni Paesi esteri

Il Coronavirus è tutt’altro che sconfitto ed il ministro della Salute Roberto Speranza è passato al contrattacco, per stringere ulteriormente il cerchio e le restrizioni dopo i casi in aumento degli ultimi giorni. Il titolare del Dicastero ha annunciato di aver firmato una nuova ordinanza dopo l’incontro con il collega Di Maio, titolare della Farnesina. Tutti coloro che verranno da Bulgaria e Romania, due Paesi dove i contagi sono decisamente in aumento e la situazione epidemiologica quasi fuori controllo, finiranno in quarantena. Una misura di fatto obbligatoria, perché il virus continua a circolare. Tutti i cittadini di quei due Paesi e chiunque si sia recato lì negli ultimi tempi dovrà osservare i canonici 14 giorni di isolamento. E’ una misura, questa, già in vigore per i Paesi extra Schengen ed extra Ue.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, focolaio in Trentino: 14 positivi legati a Bartolini

Coronavirus, Speranza firma nuovo ordinamento: com’è la situazione per chi viene dall’estero

Coronavirus, Roberto Speranza firma nuova ordinanza. I dettagli
Coronavirus (Getty Images)

Il ministro Speranza ha annunciato la firma di una nuova ordinanza che, di fatto, limita i cittadini romeni e bulgari e chiunque si sia trovato in quei Paesi recentemente. Come ha spiegato il titolare del Dicastero, sono misure in vigore già per tutti i Paesi extra Schengen ed extracomunitari. L’Unione Europea, però, si comporta e chiude le frontiere in base soprattutto alla curva epidemiologica. E vi sono alcune Nazioni e cittadini off limits, almeno fino al 31 luglio. Si tratta di Stati Uniti, Brasile, Russia e la stessa India ma anche Armenia, Bahrein, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana. Esiste il divieto di ingresso e transito in Italia anche per chi ha soggiornato o transitato in questi Paesi nei 14 giorni antecedenti.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, studio americano: “Non si contagia con parto e allattamento”