Coronavirus, studio americano: “Non si contagia con parto e allattamento”

Per le donne positive che hanno un parto c’è una bassa probabilità di trasmettere il coronavirus ai nascituri, anche durante l’allattamento

Parto e allattamento, le donne positive al coronavirus possono stare più tranquille per la salute del neonato. A sostenere che le probabilità di contagio siano molto basse è lo studio condotto a New York e pubblicato su Lancet Child and Adolescent Health.

Il coronavirus però obbliga a delle precauzioni che vanno assolutamente rispettate, ma non sono uguali per tutte e variano da paese a paese e ci sono anche diverse opinioni per il post parto. Tra gli autori della ricerca c’è chi consiglia l’allattamento al seno e il ‘rooming in’ e chi, invece, l’isolamento dalla madre.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Coronavirus e fertilità: perché non ci sarà il boom di nascite

Coronavirus, parto sicuro. Belgio: muore a 3 anni per Covid

parto

I ricercatori del Weill Cornell Medicine-New York Presbyterian Komansky Children’s Hospital hanno studiato il caso di centoventi donne positive al coronavirus a cui è stato consentito dopo il parto di tenere i propri neonati nella stessa camera e di allattarli, sempre seguendo precauzioni obbligatorie come l’uso della mascherina e il lavaggio delle mani con un’alta frequenza.

A tutti i bambini è stato fatto il tampone ed è risultato negativo. Lo studio è proseguito ripetendo i tamponi a due terzi dei bambini, in alcuni casi dopo una settimana e in altri dopo due dopo il parto e i risultati sono stati incoraggianti perché i test sono stati sempre negativi. “Speriamo che il nostro studio rassicuri le mamme sul fatto che il rischio di trasmettere il Covid è molto basso”, ha affermato Christine Salvatore, principale autrice della ricerca.

Nel frattempo dal Belgio arriva una brutta notizia: è morta una bambina di tre anni positiva al Coronavirus. Secondo l’agenzia di stampa lo ha annunciato il portavoce interfederale Covid-19, Boudewijn Catry. È la vittima più giovane nel paese dopo la ragazzina deceduta a marzo.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>>Coronavirus, Usa: superati ufficialmente i 4 milioni di contagi