Grecia, gravissima alluvione sulle isole: ci sono delle vittime

Il maltempo ha causato una grave alluvione sull’isola di Evia in Grecia. Morti una coppia di anziani ed un neonato di 8 mesi.

Dopo aver causato gravi problemi nel Sud Italia il maltempo si è spostato in Grecia. Le forti piogge infatti si sono abbattute sull’isola di Evia, conosciuta anche come Eubea, causando una gravissima alluvione. Le strade di Calcide, capoluogo dell’isola, sono completamente allagate. In alcuni punti l’acqua ha raggiunto il metro e mezzo di altezza, costringendo la gente a cercare rifugio sui tetti delle case o sugli ulivi. Si registrano purtroppo anche cinque vittime. I soccorritori infatti hanno trovato una coppia di anziani di 85 e 86 anni privi di sensi nella loro casa di Politika, ormai allagata. In un’altra abitazione dello stesso villaggio è morto invece un bambino di soli 8 mesi, figlio di una coppia di turisti. Sono stati ritrovati anche due cadaveri che non sono stati ancora identificati.

LEGGI ANCHE >>> North Carolina, forte scossa di terremoto al confine con la Virginia

Alluvione in Grecia, le reazioni

grecia alluvione
Immagini dell’alluvione in Grecia (Twitter)

L’alluvione sull’isola di Evia in Grecia, a circa 100 km dalla capitale Atene, ha suscitato forti reazioni. Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha espresso profondo cordoglio per le vittime dell’alluvione sull’isola. Anche Nikos Hardalias, viceministro con delega alla Protezione Civile, ha parlato di profondo dolore e vicinanza ai familiari delle vittime. L’alluvione ha colpito la Grecia in un momento già critico. Infatti i casi di coronavirus nel paese stanno aumentando, anche se si parla di numeri molto inferiori a quelli a cui siamo abituati. Gli ultimi dati pubblicati sulla pagina dell’Ambasciata di Atene in Italia, risalenti al 7 agosto scorso, parlano di 5.123 casi e 210 decessi. Per questo motivo le mascherine sono diventate obbligatorie per tutto il mese di Agosto.

POTREBBE CAPITARE ANCHE >>> Bollettino coronavirus del 9 agosto: nuovi casi ancora in aumento