È morto Gianmarco Pozzi, ex campione romano di kick boxing

Gianmarco Pozzi, ex campione romano di kick boxing, è stato trovato senza vita sull’isola di Ponza. Morte causata forse da una caduta

Gianmarco Pozzi, ex campione romano di kick boxing, è morto sull’isola di Ponza dove lavorava nel periodo estivo come buttafuori in un locale. Ventotto anni, romano, secondo i carabinieri che sono giunti sul posto è morto a causa di una caduta da circa sette metri. Sul corpo del giovane è stata disposta l’autopsia da parte della Procura di Cassino che indaga sull’accaduto.

Secondo le prime ricostruzioni, Pozzi stava camminando su dei terrazzamenti che portano al mare. Avrebbe scavalcato un muro quando è scivolato. Il suo corpo infatti è stato ritrovato a terra con una visto e profonda ferita alla testa.

Le ipotesi al vaglio sono varie da parte dei carabinieri. Probabilmente si è trattato di un incidente, ma i militari vogliono far luce innanzitutto sul motivo per cui era lì.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Piacenza, si tuffa nel Po e salva il suo cane: l’uomo muore in ospedale

Morte Gianmarco Pozzi, forse era lì per fare parkout

 

Gianmarco Pozzi lavorava a Ponza come buttafuori, questo il motivo della sua presenza sull’isola. Da chiarire perché si trovasse lì a provare a scavalcare, se per sport o semplicemente per raggiungere prima la spiaggia.

Secondo i carabinieri, infatti, non si esclude che il giovane ex campione di kick boxing stesse praticando parkuot, lo sport acrobatico che prevedere in cui si salta da un’ostacolo all’altro, oppure se si trovasse semplicemente per raggiungere il mare in un percorso da lui ritenuto più breve.

La segnalazione ai carabinieri è giunta da alcuni abitanti che avevano visto il corpo del ragazzo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Incidente mortale sulla A23: perde la vita un motociclista