Elodie, sui social valanga di insulti dopo il post di Salvini

La cantante Elodie è stata bersagliata di insulti sui social dopo un post sulla pagina della Lega.

La polemica tra la cantante Elodie e il leader della Lega Matteo Salvini continua a botte di post sui social. Nei giorni scorsi infatti la cantante, arrivata seconda ad Amici nel 2015, ha criticato il senatore per il modo in cui il suo partito raccoglie voti. Il team di comunicazione della Lega ha creato un immagine con alcune frasi di questa intervista e l’ha pubblicata sulla pagina Facebook del partito. In poco tempo è comparsa una valanga di commenti dispregiativi, quasi tutti razzisti e sessisti. Tanti infatti fanno allusioni sessuali sull’uso del microfono o la attaccano per le origini caraibiche della madre dandole dell’extracomunitaria. La reazione della cantante tuttavia è molto più pacata e ironica. In un tweet infatti commenta alcuni screenshot di commenti sessisti con una sola frase: “E noi donne vi mettiamo pure al mondo”.

LEGGI ANCHE >>> Mauro Corona, intervista shock: “Sono alcolista, ho pensato al suicidio”

Non solo Elodie: anche Fiorella Mannoia contro Salvini

elodie salvini fiorella mannoia
La cantante Fiorella Mannoia (Getty Images)

Elodie non è l’unica cantante ad essersi schierata apertamente contro Matteo Salvini nelle scorse settimane. Di recente anche Fiorella Mannoia, storicamente avversa alle idee politiche della Lega, ha criticato aspramente il leader del Carroccio sui social. Il motivo delle critiche della Mannoia? Un tweet sul profilo della Lega dove si ridicolizzavano alcuni parlamentari, tra cui il presidente della Camera Roberto Fico, perché suonano dei tamburi in una manifestazione. La cantante ha però chiarito la situazione: si trattava di una manifestazione a sostegno delle persone con disabilità. Il tweet si conclude con un giudizio lapidario: “Quando si dice miserabili”. In questo caso però il linciaggio sui social non c’è stato, forse perché la Mannoia ha una storia politica più forte alle spalle.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus in Spagna, il governo chiude le discoteche