Inter, addio Conte ad un passo: scelto già il sostituto

Il destino di Antonio Conte sulla panchina dell’Inter sembrerebbe ormai essere scritto: la società nerazzurra avrebbe già contattato il sostituto

Europa League che termina con l’amara sconfitta dell’Inter per mano del Siviglia di Lopetegui. I nerazzurri di Antonio Conte dopo il gol di Lukaku in apertura sembravano aver messo la partita nel binario giusto, ma poi si sono dovuti arrendere ai colpi di De Jong e la rovesciata di Diego Carlos, messa in rete per errore dal nove nerazzurro. Questa finale potrebbe essere stata l’ultimo atto dell’avventura di Conte sulla panchina dell’Inter. Le parole dell’allenatore nel post partita fanno pensare ad una separazione inevitabile che avverrà nei prossimi giorni. La società nerazzurra avrebbe già contattato l’erede a cui affidare la panchina nella prossima stagione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Inter-Siviglia, juventini contro Bergomi per una frase post gara – Video

Inter, deja vu Conte: a sostituirlo sarà Allegri…di nuovo

allegri psg
Massimiliano Allegri (Getty Images)

Tra la società dell’Inter e l’allenatore Antonio Conte sembrerebbe esserci una spaccatura ormai impossibile da risanare. Il tecnico nerazzurro più volte ha esternato pubblicamente dei pensieri che alla dirigenza interista non sarebbero piaciuti, tanto da portare al probabile addio. Sarà molto difficile che Conte venga esonerato, visti i due anni che ha ancora di contratto e l’ingente somma che i nerazzurri dovrebbero pagare in caso di addio scelto unilateralmente. Per questo motivo le due ipotesi più probabili sembrerebbero essere quelle della separazione consensuale o delle dimissioni. Nel frattempo, la società interista avrebbe già contattato attraverso Beppe Marotta l’erede a cui affidare la panchina, ovvero Massimiliano Allegri. Una scena dunque che si ripete per i due, visto che già nel 2014 Antonio Conte disse addio alla Juventus, facendo posto al subentrante Massimiliano Allegri. Tutto ciò potrebbe ripetersi di nuovo a giorni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Allarme coronavirus in Serie A: almeno 5 contagiati, che succede adesso?