Netflix, dopo il coronavirus saltano due serie: fan in rivolta

Netflix ha deciso di interrompere la produzione di due serie a causa del coronavirus, ma i fan sono in rivolta.

Il coronavirus ha colpito tutti duramente, anche colossi dello streaming come Netflix. Se questo genere di servizi ha indubbiamente avuto un picco di utenti durante i mesi del lockdown, ha anche subito grossi danni per quanto riguarda la produzione di contenuti. Per questo motivo la piattaforma ha deciso di interrompere la produzione di due serie che hanno spopolato negli ultimi mesi. Si tratta di “I Am Not Okay With This” e “The Society“. La prima è una commedia drammatica ideata da Jonathan Entwistle, già creatore di serie famosissime come “The End Of The F*cking World”. La storia parla di una ragazza di 17 anni che deve fare i conti con alcuni poteri soprannaturali che non sapeva di avere.  La seconda invece è un dramma adolescenziale che racconta la storia di un gruppo di adolescenti i cui genitori scompaiono in circostanze misteriose.

LEGGI ANCHE >>> È morto Jack Sherman, addio al chitarrista dei Red Hot Chili Peppers

Netflix cancella due serie per il coronavirus, ma i fan non ci stanno

netflix coronavirus
Il cast di I Am Not Okay With This (Getty Images)

La decisione di Netflix di interrompere le due serie “I Am Not Okay With This” e “The Society” a causa del coronavirus ha sollevato forti polemiche dei fan sui social network. Su Twitter infatti molti fan stanno criticando la decisione della piattaforma giudicandola illogica. Entrambe le serie infatti hanno avuto un grande successo di pubblico, per cui non si capisce la ragione dietro al mancato rinnovo. Molti dei fan di “I Am Not Okay With This” inoltre sono rimasti molto delusi dalla cancellazione perché all’interno della serie c’erano alcuni personaggi, inclusa la protagonista, appartenenti alla comunità LGBTI. Anche l’autore della serie ha espresso il proprio dispiacere sui social con un tweet in risposta ad una fan.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, traghetto bloccato per 5 ore a Genova: c’è un caso sospetto