Cuba, tempesta tropicale Laura: 12 morti a Haiti, stato d’allerta massimo

Tremenda tempesta tropicale a Cuba: nel Paese dei Caraibi è arrivata “Laura”, a Haiti già 12 morti. Stato d’allerta massimo.

Le tempeste tropicali nelle Due Americhe (“tre”, se consideriamo, in casi come questi, anche quella centrale) non sono di certo una novità. Alcune arrivano con una intensità molto lieve da non creare disordini, improvvisi sgomberi da case e uffici, o brutali morti. Altre, invece e purtroppo, si scagliano contro tutto quello che trovano, popolazione compresa, con una forza inaudita. È il caso della tempesta tropicale “Laura”, che, nelle ultime ore, si è abbattuta con forte violenza sull’isola cubana. Nel Paese dei Caraibi lo stato d’allerta è già massimo, mentre è stata colpita anche la Repubblica Domenicana. A Haiti si contano già 12 morti. Una tempesta tropicale che non intende rimanere tale, ma, come spesso accade in questi casi, si prepara a trasformarsi in un uragano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Forte scossa di terremoto nelle Filippine: ci sono vittime e sfollati

Tempesta tropicale Laura: non è la sola in arrivo, Cuba avverte tutti tramite la tv

tempesta cuba uomo mare
Uomo accanto al mare durante una tempesta tropicale a Cuba (Getty Images)

Una tempesta che, come detto poc’anzi, non sembra arrestare il suo corso, per poi trasformasi, definitivamente, in un uragano. Laura, così è stata ribattezzata, non è, però, la sola tempesta (o se vogliamo uragano in trasformazione) venutasi a creare nelle ultime ore. Un altro uragano, con il nome di Marco, si dirige verso la costa meridionale degli Stati Uniti e in particolare la Louisiana, ove sembra avviarsi anche Laura. Entrambi i “mostri” nella stessa direzione per un’allerta che è stata confermata anche attraverso la tv di stato cubana. A parlare il meteorologo cubano José Rubierta: “Laura è una tempesta tropicale che non ha ancora l’organizzazione che potrebbe avere un uragano, ma facciamo attenzione col passare delle ore”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Esaurite le annuali risorse del pianeta: l’effetto del lockdown