Maltempo, Nord Italia in ginocchio: il premier Conte chiama Zaia

Nel Nord Italia, causa maltempo, si susseguono grandi nubifragi: nel corso della notte chiuse alcune strade, il premier Conte chiama Zaia per lo stato d’emergenza.

Durante le ore della notte, in buona parte del Nord Italia, si sono scatenati violenti nubifragi. Alcuni governatori hanno dichiarato di aver subito, nella propria regione, una vera e propria devastazione. Uno di questi è Luca Zaia, presidente della Regione Veneto. Quest’ultimo ha fatto sapere che oltre ai danni si iniziano a contare anche le vittime. Una sorte di “bollettino da guerra” sul versante maltempo che va a elencare piogge, gradine, allagamenti e inondazioni. Nel Veneto, come elencato poc’anzi attraverso le parole di Zaia, una situazione a dir poco devastante: colpito soprattutto il lato vicentino, con il danneggiamento di 150 case solo nel comune di Arzignano. Non solo: lo stato d’emergenza si è voluto estendere anche nel veronese: “Ancora una volta siamo in ginocchio per il maltempo – ha dichiarato Zaia – chiedo l’intervento e una risposta concreta da ‘Roma’”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Massa Carrara, albero cade su una tenda: morte due bambine

Maltempo al Nord Italia: Conte risponde a Zaia, a Venezia situazione delicata

maltempo nord italia
Maltempo, Nord Italia in ginocchio (Fonte Facebook)

Nel corso della giornata di ieri e di tutta la notte si è bloccata, a causa dell’esondazione del fiume Adige ad Egna, l’autostrada del Brennero: chiusa in entrambe le direzioni tra Bolzano e S.Michele. Luca Zaia, come detto in precedenza, ha invocato l’intervento da Roma da parte del Governo. Il premier Giuseppe Conte ha risposto “presente” sentendo per telefono lo stesso governatore del Veneto: in merito alla richiesta dello stato d’emergenza avanzata dalla stessa regione si è detto disponibile ad avviare l’istruttoria per la stessa valutazione.

Il maltempo colpisce, nuovamente, anche Venezia: la città delle gondole ha registrato una punta massima di acqua alta di 102 centimetri sul medio mare. Un fenomeno che, non è del tutto eccezionale, ma, nel mese di agosto, piuttosto raro. Il Centro maree del Comune aveva previsto una punta massima di un metro, leggermente superato dal fenomeno in atto. Un evento che prevede allegamenti nella parti basse del centro storico, soprattutto a Piazza San Marco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Maltempo, nubrifrgio nel Varesotto: disperso 38enne