Coronavirus, allarme Serie A: De Laurentiis positivo al Covid

Nelle ultime ore arriva la conferma: Aurelio De Laurentiis è risultato positivo al test sul coronavirus: tremano tutti gli altri presidenti.

AGGIORNAMENTO DELLE 9.30 – Adesso è ufficiale: come comunicato anche dal sito del Napoli, Aurelio De Laurentiis è risultato positivo al Covid-19.

Quando si ricomincia. Come si ricomincia. Se si ricomincia. Tutte ipotesi che hanno visto come protagonista il massimo campionato di calcio italiano: la Serie A. Competizione giustamente fermatasi per la pandemia di coronavirus. Poi la ripartenza e, dopo pochi giorni, la notizia: Aurelio De Laurentiis positivo al coronavirus. A riportare il fatto è stato il quotidiano La Repubblica, che in un primo momento non aveva svelato il nome del presidente del Napoli. Sistemi di protezione, monitoraggio interno e cautela. Niente è servito. O meglio: a poco è servito. Il coronavirus ha colpito. Preoccupando, ora, tutti i 19 presidenti, con buona parte dei vari delegati. Una preoccupazione legata alla riunione di ieri, mercoledì 9 settembre, andata in scena in un hotel di Milano, per la creazione di una società partecipata finalizzata alla gestione dei diritti tv per il prossimo campionato di calcio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Kylian Mbappé positivo al Coronavirus: ecatombe nel PSG

Positivo al coronavirus Aurelio De Laurentiis: potrebbe non essere il solo

coronavirus positivo aurelio de laurentiis gravina
Gabriele Gravina, presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio (Fonte Facebook)

Non si son visti per molto tempo. Tanti hanno scelto l’isolamento come i “normali” cittadini. Poi, ieri, l’incontro per dar vita a una società partecipata che garantisca i diritti tv del prossimo campionato di calcio. Sempre se, quest’ultimo, partirà davvero. Le complicazioni sono tante e sotto gli occhi di tutti.

Secondo le ultime indiscrezioni, il presidente risultato positivo al coronavirus, rimasto anonimo per pochissime ore, è Aurelio De Laurentiis. Quest’ultimo, per buona parte della riunione, non indossava tutti gli appositi strumenti per evitare che il Covid si diffondesse tra gli altri partecipanti. Una vera e propria “bomba” quella lanciata stamattina. Ora, potrebbe essere stato contagiato qualche altro “numero uno” delle società del massimo campionato di calcio italiano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rebecca Quinn annuncia il suo orientamento sessuale su Instagram