Alessandro Gassmann nella bufera: tweet polemico. Il motivo

Alessandro Gassmann finisce nella bufera per un tweet polemico sul caso Suarez. Piovono accuse 

Alessandro Gassmann è finito nella bufera per un tweet. Il noto attore di cinema e tv, pronto per la terza stagione de “I Bastardi di Pizzofalcone“, sul noto social network si è lasciato andare ad un commento che non è stato certo apprezzato dai tifosi della Juve. Gassmann, in merito alla vicenda del possibile passaporto italiano per Luis Suarez, si è lasciato ad uno sfogo; ha messo in correlazione la situazione dell’uruguaiano con quella dei cittadini italiani di seconda generazione. Nello specifico Gassmann è entrato nel dettaglio ammettendo di provare un “senso di schifo“; all’attore non va giù che vi siano ragazzi nati in Italia impossibilitati ad avere il passaporto a fronte di un ragazzo il quale avrà la cittadinanza non prima di ottobre.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Reddito di emergenza: come richiederlo e chi ne ha diritto

Il mondo del web insorge: i favorevoli ed i contrari all’attore

Alessandro Gassmann nella bufera: tweet polemico. Il motivo
Luis Suarez (Getty Images)

Il Tweet ha scatenato un vero e proprio putiferio sul social network; Gassmann ha diviso in due il mondo del web. Da un lato chi ha puntato il dito contro l’attore, tacciato di non essere a conoscenza completamente dei fatti da lui esposti. Difesa a spada tratta nei confronti della Juve e dell’uruguaiano che, è bene ricordarlo, potrà avere la cittadinanza italiana tramite la moglie, in possesso del documento perché di origine friulana. Non sono mancati, però, tutti i sostenitori dell’attore rispolverando l’antica questione dello ius sanguinis. In Italia, infatti, è possibile acquisire la cittadinanza solo per discendenza da un genitore italiano a differenza dello ius soli che prevede la cittadinanza nascendo nel Paese (come accade negli Stati Uniti). Una questione che rispolvera antiche diatribe soprattutto tra le forze politiche in Parlamento, tra chi vorrebbe la riforma della legge 91/1992 in tal senso e chi vuole preservarla.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid a scuola: altri due casi negli istituti italiani. La situazione