GF Vip, Tommaso Zorzi si sfoga: frecciatine contro due artisti

Tommaso Zorzi ha discusso molto di diritti LGBT con Stefania Orlando nella casa del GF Vip, prendendo di mira due persone dello spettacolo.

gf vip tommaso zorzi
Tommaso Zorzi contro Platinette e Lorella Cuccarini (Twitter)

La presenza di Tommaso Zorzi all’interno della casa del Grande Fratello Vip continua a far discutere. Dopo le preoccupazioni sulla sua salute e le polemiche sugli outing fatti a tre colleghi dello spettacolo, Zorzi torna a parlare di comunità LGBT. Lo fa in un lungo discorso con Stefania Orlando in cui parla di diritti civili per la comunità LGBT in Italia e all’estero.

Durante la discussione con la Orlandi, l’influencer milanese non ha risparmiato parole molto dure verso due personaggi dello spettacolo. La prima di cui ha parlato è Lorella Cuccarini, finita spesso al centro di polemiche per le sue affermazioni sulle persone omosessuali. Zorzi l’ha definita un’ipocrita e opportunista, che ha fatto carriera con la comunità LGBT per poi voltarle le spalle e attaccare le richieste di diritti come matrimonio e adozione.

Tommaso Zorzi contro Platinette: “Non rappresenta nessuno”

gf vip tommaso zorzi
Tommaso Zorzi contro Platinette e Lorella Cuccarini (Twitter)

La seconda “vittima illustre” delle frecciatine di Tommaso Zorzi al GF Vip è Mauro Coruzzi, in arte Platinette. La nota drag queen italiana infatti ha spesso scatenato polemiche furiose con alcune affermazioni decisamente discutibili su leggi come le unioni civili. Zorzi ha spesso criticato con toni molto accesi Platinette: l’ultima occasione è stata a luglio scorso, quando ha risposto alle sue affermazioni sulla legge contro l’omobitransfobia.

Anche in questa occasione l’influencer non ha risparmiato parole al veleno, anche più severe di quelle riservate alla Cuccarini. Zorzi infatti lo ha accusato di avere approfittato della comunità LGBT per fare carriera.

Zorzi ha anche dichiarato che nessun ragazzo gay si sente rappresentato da Coruzzi e dalle sue posizioni. Negli scorsi anni infatti l’artista parmense ha espresso opinioni molto forti su alcune proposte di legge a tutela della comunità LGBT. Ad esempio ha definito la legge contro l’omobitransfobia un “capriccio degli omosessuali”, attirando forti critiche anche dallo stesso Zorzi.