Vertice mondiale sul clima: finalmente arriva la data

In un anno a dir poco tortuoso, come quello del 2020, finalmente arriva la tanto attesa data sul vertice mondiale del clima.

data vertice mondiale clima
Le quattro stagioni dell’anno rappresentate in un albero (Fonte Facebook)

Non solo il coronavirus. O meglio: un po’ tutto correlato. Non è un discorso da complottisti, bensì da realisti. Quando siamo stati costretti alla famosa “chiusura forzata” all’interno delle nostri abitazioni lo abbiamo visto con i nostri stessi occhi, attraverso immagini inediti di vari artisti: mari che si pulivano da soli e che si riempivano nuovamente di pesci. Acque pulite: basti pensare alle immagini di Venezia, diventata nuovamente una vera bomboniera attraverso le sue acque limpide e pregne di pesci visibili a occhio nudo. Insomma: potremmo continuare all’infinito e tutti sappiamo di cosa parliamo.

Poi ci sono anche le catastrofi mondiali correlate ai cambiamenti climatici che qualcuno, magari proprio oltreoceano con qualche striscia e stella sulla bandiera, vuole far credere non esistano. Invece è tutto e vero ed urge parlarne. I cambiamenti climatici decreteranno il futuro del nostro pianeta nel breve tempo, aspettare è solo una forma di passività, agire è sinonimo di voler bene a questa maltrattata Terra.

Arriva la data sul vertice mondiale del clima: tutti riuniti verso la fine dell’anno

antonio guterres campana pace
Antonio Guterres, segretario generale della Naziono Unite suona la campana della Pace (Fonte Facebook)

Ed ecco che, le nazioni che hanno a cuore le sorti del nostro pianeta finalmente si riuniscono in un grande summit mondiale per parlare di cosa è giusto fare in futuro e quali materie “prime” abbandonare per ripensare a un domani più sostenibile. Un qualcosa che lasci speranza anche ai figli di queste generazioni un po’ perse, in partenza, ma che cercano riscatto proprio nella salvaguardia dell’ambiente e del Pianeta, che altro non è che il bene comune.

Finalmente c’è una data: 12 dicembre. Si chiuderà l’anno (o quasi) non solo all’insegna della circolazione, costante, del coronavirus, ma anche col dialogo sui cambiamenti climatici. Il tutto nel giorno del quinto anniversario dell’accordo di Parigi. Ad annunciarlo l’Onu e la Gran Bretagna in una nota congiunta. Sottolineando che l’evento sarà promosso dal segretario delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, e dall’attuale premier britannico, Boris Johnson.