Salvini preoccupa il medico: “Ho la febbre, vado a casa”. La situazione

Matteo Salvini con la febbre durante una manifestazione, preoccupazione in platea: “Il medico mi ha detto di rimanere a casa”

Salvini Formello
Salvini (Screenshot)

Matteo Salvini ha ammesso di avere la febbre durante una manifestazione politica a Formello. L’evento politico culturale, Itaca 20.20, arricchito da vari incontri con politici ieri ha fatto tappa a Formello, e prevedeva l’incontro con il leader della Lega. Appena salito sul palco, l’annuncio: “Ho la febbre, ma ci tenevo a essere qui”.

Così Salvini ha allarmato la gente che stava assistendo, visto che ormai di questi tempi non è molto consigliato andare in giro con possibili sintomi da coronavirus. Il numero uno del carroccio ha poi ammesso che lo stesso medico gli aveva consigliato di rimanere a casa, ma lui non voleva privarsi di questa partecipazione. Un atteggiamento sicuramente non esemplare del senatore, che si è detto determinato, prima di tornare a casa, a concludere il suo giro di comizi.

Salvini con la febbre a un comizio: “Il medico mi ha detto di andare a casa”

Matteo Salvini
Matteo Salvini (foto Gettyimages)

Salvini ha partecipato dunque alla manifestazione Itaca 20.20 con la febbre, nonostante le raccomandazioni del suo medico siano state ben diverse. Sembra chiaro che con sintomi come questi la precauzione debba essere fondamentale. Invece Matteo Salvini si è recato a Formello, ammettendo di avere qualche linea di febbre, facendosi gioco dei consulti medici.

Non solo, il leader della Lega ha inoltre sottolineato con il suo solito fare spavaldo e assetato di applausi e consensi, che prima di andare a casa – come consigliatogli – sarebbe dovuto prima andare ad Anguillara Sabazia, poi a Formello e a Terracina. In sostanza, prima della prevenzione, vengono gli impegni personali. Il pubblico presente si è preoccupato non poco davanti le dichiarazioni del politico milanese, il quale si aspettava una standing ovation ma che alla fine ha racimolato solo qualche timido applauso.