Covid, proposto nuovo lockdown per salvare il Natale

Prima dell’estate il timore, in proiezione autunnale, di una seconda nuova andata di contagi Covid. La paura di un nuovo lockdown torna attuale? La proposta per Natale.

Covid
Covid (Getty Images)

Quasi 1700 nuovi casi di positività da Covid nelle ultime 24 ore. Poche centinaia di meno rispetto al bollettino di ieri, ma con uno scarto (in negativo) di oltre 20 mila tamponi. È questo il bilancio di questa ultima domenica di settembre: numeri che confermano come l’emergenza Coronavirus sia ancora lontano dall’essere debellata. 17 pazienti deceduti, proprio come ieri, e numeri che non accennano a calare.

Da ormai un mese ci siamo dovuti riabituare a numeri a quattro cifre per quanto riguarda i nuovi positivi accertati giornalieri. Numeri che, in particolar modo negli ultimi giorni, si sono stabilmente assestati tra i 1500 e i 1900 casi quotidiani inerenti alle persone che contraggono il Covid. Il numero dei decessi, fortunatamente, rimane limitato ma i dati, ora che è arrivato l’autunno, non lasciano tranquilli. Paesi come Spagna, Francia e Inghilterra sono alle prese con cifre ancora più grandi.

C’è già chi parla di un secondo lockdown, dopo quello di tre mesi che abbiamo vissuto da marzo a maggio, e c’è chi lo “consiglia” come mossa per salvare il Natale. Due premi Nobel, infatti, hanno lanciato la loro proposta: una nuova quarantena, limitata, dal primo al 20 dicembre.

+++ A che serve un nuovo lockdown +++

Nuovo lockdown: in Francia proposta salva Natale