“Datemi dell’acqua”: prof si accascia davanti agli studenti, una tragedia

A soli 50 anni un professore perde la vita davanti ai propri studenti: la tragedia si consuma a Vittoria, in provincia di Ragusa. 

Ritorno a scuola in Italia
Un’aula di una scuola italiana (Getty Images)

Un ritorno a scuola che si trasforma in una tragedia per gli studenti di Vittoria, in provincia di Ragusa. Infatti, nel liceo Giuseppe Mazzini, il professor Giuseppe Lo Magno, di soli 50 anni, si è accasciato a terra chiedendo un bicchiere d’acqua mentre era in classe a fare lezione di italiano e latino ai propri studenti. Inutile l’intervento repentino dei soccorsi del 118, che dopo aver provato a rianimare il professore hanno capito che non c’era più nulla da fare. Inevitabilmente sotto shock i ragazzi in aula che hanno assistito in diretta alla morte del loro professore all’interno dell’aula. Anno scolastico dunque che si apre con una tragedia per l’intera scuola Giuseppe Mazzini di Vittoria.

Tragedia a Vittoria, prof muore davanti agli studenti: il messaggio di cordoglio del Comune

Riapertura Scuola, Campania: ufficiale la data di riapertura
scuola (Getty Images)

A soli 50 anni, il professor Giuseppe Lo Magno viene stroncato da un malore mentre era in classe davanti ai suoi studenti. La tragedia si consuma a Vittoria, in provincia di Ragusa, quando dopo aver chiesto un bicchiere d’acqua ed essersi accasciato a terra, non c’è stato nulla da fare per il professore morto davanti ai suoi alunni. Una tremenda tragedia che viene ricordata anche dal Comune di Vittoria, che attraverso un comunicato stampa si unisce al cordoglio per la scomparsa del professore. All’interno di questo si legge che la commissione straordinaria del comune esprime profondo cordoglio per l’improvviso addio di Giuseppe Lo Magno. ”Una notizia che non avremmo mai voluto ricevere”, così inizia il comunicato stampa emanato, dove si sottolinea la tragedia avvenuta in un momento già difficile e complicato a causa dell’emergenza Coronavirus. Infine il rammarico per aver perso troppo presto uno degli uomini migliori della scuola Giuseppe Mazzini.