Blocco conti correnti: se hai un debito ora possono chiuderti in “gabbia”

Nuova norma economica sui conti correnti al vaglio: potrebbero esserci nuovi guai per i debitori italiani, non solo qui in Italia

Carte di credito (Getty Images)

Sono davvero tanti i debitori in Italia, che giornalmente aumentano il proprio debito nei confronti di banche e non solo. Per questo motivo si starebbero vagliando nuove proposte nel consiglio dei ministri, per fermare questi ‘furbetti’. Infatti, nella nuova norma proposta, che potrebbe essere approvata nella prossima settimana, i debitori potranno essere perseguiti non solo in Italia, ma in tutta Europa. Infatti, si starebbe lavorando ad un accordo tra gli Stati maggiori, per poter perseguire tutti i ‘furbetti’ nei paesi europei, in modo da facilitare il recupero transfrontaliero dei crediti.

Blocco dei conti correnti in Europa: come i creditori potranno richiederlo

Carte di credito (Getty Images)

Non la passeranno liscia ancora per molto i debitori ai danni di banche o altri enti statali. Infatti, il Governo in questi giorni, sta valutando di attuare una nuova norma per cercare di smascherare i così detti ‘furbetti’. Infatti, nella nuova norma sarà possibile perseguire i debitori anche in Europa, grazie ad accordi presenti nell’UE. Per farlo, i creditori potranno fare richiesta ad un giudice, per effettuare delle ricerche attraverso l’anagrafe dei conti correnti. In seguito, una volta rintracciato il conto corrente del debitore, anche se all’estero, potrà essere bloccato. Purtroppo però, a vantaggio del debitore ci sono diverse norme italiane ed europee che lo difendono con forza. Infatti sono davvero tantissimi i ricorsi che vengono presentati ed accettati per il blocco dei conti correnti ogni anno. A favore del creditore però, rimane l’effetto sorpresa, ovvero che nel fare controlli ed effettuare il blocco del conto, non si deve avvisare preventivamente il debitore intestatario. Una manovra che dunque, qualora dovesse essere approvata, aiuterebbe a bloccare molti furbi che provano a scappare dalla legge ricorrendo a metodi esteri.