Dieta alcalina: ecco come perdere peso in soli sette giorni

Obbiettivo dimagrimento agevolato con la dieta alcalina: ecco come perdere peso in una sola settimana di dieta

Dieta (Immagine da Pixabay)

Dimagrire è uno degli obiettivi dell’inverno di molti italiani, ma fare dei sacrifici e rinunciare al cibo non è una cosa molto semplice. Ad aiutare a raggiungere l’obiettivo però, c’è la dieta alcalina, che aiuta a perdere peso in una sola settimana. Questa dieta, come suggerito dal nome, è composta per una gran parte da alimenti ”alcalini” e per il resto da alimenti acidi. Sono considerati alimenti alcalini tutte le verdure, le patate, la frutta, mandorle ed anacardi. A questi naturalmente vanno aggiunti i componenti di carne, pesce e cereali. Con l’utilizzo di questi alimenti nei vari pasti della giornata, si può arrivare a perdere peso in una sola settimana ed acquistare energia. Anche questa però ha i suoi possibili effetti collaterali, come diarrea, gastrite o cali di pressione.

Dieta alcalina, la spiegazione della dottoressa Vitiello sugli alimenti

Dieta (Getty Images)

Una dieta che potrebbe far perdere peso in una sola settimana è ciò che molti italiani cercano. Questa esiste ed è la dieta alcalina. A spiegare come funziona e la scelta degli alimenti è la dottoressa Daniela Vitiello in un’intervista a ‘Napoli Today’. La dottoressa rivela come questa dieta abbia l’obiettivo di evitare l’acidificazione del sangue, sfruttando l’equilibrio portato dal ph negli alimenti. Visto che il ph nel nostro sangue è in parte alcalino, bisogna sfruttare questi alimenti. Barbabietole, rape, carote e molti altri vegetali, sono alimenti altamente alcalini, mentre come condimenti andrebbero bene anche zenzero, peperoncino, rosmarino e limone. Infine, la dottoressa specifica che i lati positivi della dieta oltre alla perdita di peso sarebbero il miglioramento della salute, l‘aumento dell’energia e la riduzione e miglioramento dell’invecchiamento cellulare. Tra i possibili effetti collaterali però, non vanno sottovalutate le possibili presenze di cali di pressione, diarrea e crampi allo stomaco. Una dieta dunque molto utile, ma che deve essere dosata nel modo giusto.