Covid e Natale, le nuove regole per sedersi a tavola

C’è grande attesa per le decisioni del governo sulle regole di contrasto al Covid nel periodo di Natale: cosa possiamo aspettarci?

natale covid restrizioni governo regole cenone
Natale ai tempi del Covid, come saranno le nuove regole (Pixabay)

La pandemia di coronavirus ha messo duramente alla prova il mondo intero, e l’arrivo del periodo natalizio potrebbe complicare ancora le cose. In molti infatti vorrebbero lasciarsi le preoccupazioni alle spalle e passare del tempo in famiglia, almeno a Natale. Tuttavia i dati sull’andamento dell’epidemia potrebbero mettere un freno anche ad una delle tradizioni più radicate in molte società occidentali.

Il governo nelle prossime settimane varerà nuove regole che stabiliranno cosa si potrà fare e cosa no durante il periodo natalizio. Al momento quindi non ci sono certezze, ma alcune voci di corridoio danno per sicure alcune regole principali. Sembra che sia da scartare l’ipotesi del coprifuoco ritardato alla mezzanotte, almeno il 24 e 25 dicembre: si va quindi verso la conferma del coprifuoco dalle 22 alle 6.

Una delle possibili novità inserite nel prossimo decreto sembra essere la chiusura di negozi, bar e ristoranti il 25 e il 26 dicembre. In questi giorni il governo valuterà se estendere questa serrata anche al 31 dicembre e al 1 gennaio. Per il resto valgono le regole già in vigore: in zona gialla bar e ristoranti chiudono alle 18, nelle zone arancioni e rosse c’è la chiusura.

Le regole anti Covid per il cenone di Natale

natale covid restrizioni governo regole cenone
Natale ai tempi del Covid, come saranno le nuove regole (Getty Images)

Uno degli argomenti maggiormente dibattuti in questo periodo è sicuramente quello del cenone di Natale. Si tratta di una delle tradizioni più amate in Italia, nonché di un importante momento di unione per famiglie e amici. Al momento però tutti gli esperti sono concordi nel dire che i cenoni vanno assolutamente evitati, per ridurre al minimo il rischio di trasmissione del virus.

Dall’altro lato però il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha più volte ricordato come sia impossibile imporre divieti su ciò che le persone fanno in casa propria. Per questo motivo il governo sta valutando se inserire all’interno del prossimo decreto una raccomandazione sul numero massimo di persone consigliate. Tra le altre raccomandazioni che il governo potrebbe inserire c’è anche quella di invitare solo parenti stretti, come fratelli e genitori, evitando tavolate troppo numerose.