Recovery Plan, Conte e gli altri: ecco la squadra della speranza

Giuseppe Conte sembra finalmente pronto a giocare al meglio la partita sul Recovery Plan. Il Premier sta varando la squadra che si occuperà della gestione dei fondi. Di seguito gli ultimi dettagli

Conte (getty images)
Conte (getty images)

La pandemia da Covid-19 ha messo in ginocchio l’Italia, l’Europa e tutto il Mondo. L’innalzamento del numero dei contagi in autunno ha avuto conseguenze devastanti. Il primo settore ad essere colpito è sicuramente quello sanitario. L’intasamento delle terapie intensive ha portato in diverse regioni ben presto alla saturazione, se non al vero e proprio collasso degli ospedali, per l’alta necessità e il poco personale sanitario.

Le conseguenze della pandemia si fanno sentire, però, anche dal punto di vista sociale e soprattutto economico. Moltissime attività sono costrette alla chiusura a causa dei lockdown regionali imposti dal Governo o fanno registrare ingenti perdite. Se si valuta la macroeconomia la situazione non migliora: diversi Stati europei vedranno cali importanti nei prossimi anni, a causa della pandemia. Per questo l’Europa sembra pronta a varare il Recovery fund. Si tratta di un fondo speciale per la ripresa economica nel prossimo triennio, che servirà da ripartenza dopo la pandemia da Covid-19.

LEGGI ANCHE >>> Covid, Conte annuncia: “Ecco come sarà il Natale”. E su Maradona…

Recovery Plan, la nuova squadra scelta da Conte per l’Italia

Conte (getty images)
Conte (getty images)

Per accedere al Recovery fund, ogni Stato europeo dovrà fare un vero e proprio piano di riforme, in cui viene specificato come verranno spesi gli aiuti: il Recovery Plan. Giuseppe Conte è pronto a lanciare la squadra che dovrà occuparsi di questo compito. Per coordinare i lavori sarà essenziale il Comitato interministeriale affari europei. In prima linea, però, ci sarà anche un organo politico costituito dallo stesso Giuseppe Conte, dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri e dal ministro per lo Sviluppo economico Stefano Patuanelli. I singoli progetti verranno poi affidati  a un comitato esecutivo di sei manager che dovrebbe avere poteri speciali e dovrebbe sostituirsi ai soggetti attuatori. Iil ministro Enzo Amendola infine continuerà a intrattenere rapporti con Bruxelles e aggiornerà la commissione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, partecipa alla sperimentazione per il vaccino: “Vi dico tutto”