Chi è Lazza, il duetto con Casadilego ad X Factor di domani sera

La semifinale X Factor proporrà un duetto imperdibile tra Lazza e Casadilego. Chi è il talentuoso rapper debuttante con “Destiny Mixtape”

lazza x factor duetto casadilego
Jacopo Lazzarini, in arte “Lazza” – Screenshot Instagram

La fantastica “vetrina” della 14esima edizione di X Factor è arrivata nei pressi dei “titoli di coda”. Domani sera, in onda su Sky Uno a partire dalle 21.15, in diretta LIVE in quel di Courmayeur si esibiranno i 5 semifinalisti di un’edizione ricca di copi di scena che ha già assaporato esclusioni di lusso, come Melancholia e Cmqmartina.

Il parterre dei giudici composto da figure di spicco come i cantanti Mika ed Emma Marrone saranno chiamati al responso che vedrà un’ulteriore rimozione dalla pista di uno dei cinque concorrenti rimasti, prima della finalissima del 10 Dicembre.

Il menù di domani sera proporrà un succulento “duetto” tra i partecipanti, esibizionisti dei brani musicali proposti dalle autorità d’ufficio. Per l’occasione Casadilego, che cinque giorni fa ha sorpreso il pubblico con il “pezzo” di “Tones and I”, Dance Monkey, domani avrà un sostenitore carisamtico al suo fianco. Si tratta di Jacopo Lazzarini, in arte “Lazza”

LEGGI ANCHE —–> XFactor, Emma contro Mika: “Se ragioniamo in italiano…” bufera social

Chi è Lazza: età e carriera

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da X Factor Italia (@xfactoritalia)

La semifinale di X Factor, di domani sera regalerà al pubblico l’ennesimo colpo d’occhio e d’orecchio agli appassionati della trasmissione in onda su Sky Uno.  Sarà la cosiddetta serata dei “duetti” e in particolare quello tra il partecipante Casadilego e il compagno di viaggio Lazza, per una “notte indimenticabile”. Entrambi canteranno il brano proposto dai giudici, dal titolo “Catrame“, tratto dall’album discografico “Re Mida”. Non sarà di certo un “vociare” di passaggio, in quanto siamo di fronte ad uno dei testi musicali, appartenenti all’album più venduto in Italia degli ultimi anni. Ma vediamo con chi avrà a che fare la nostra rapper Casadilego.

Conosciuto con il nome d’arte di “Lazza”, Jacopo Lazzarini è un “effervescente” freestyle man del classicismo musicale. Milanese di appena 27 anni è solito utilizzare il linguaggio “verlan” durante le produzioni musicali. Si è fatto notare durante gli anni di conservatorio, sotto gli occhi di “mostri sacri” del calibro di Guè Pequeno e Fabri Fibra. Il capolavoro principale che ha lanciato in alto le sue ambizioni di musicista è stato il singolo “Destiny Mixtape”, realizzato in collaborazione artistica con Emis Killa. Poi la svolta che certifica il successo in pubblico, con la pubblicazione della prima discografia “Zzala” in stile “trap”. Un capolavoro eccezionale suddiviso in due “tranche tour”, di cui una dal percorso invernale.

Tantissimi i brani musicali che si sono distinti per l’opera di successo di Lazza. Alcuni di essi hanno ricevuto il fatidico premio de il “Disco d’Oro” come “DDA” e “MOB” e infine l’eccellente sinfonia che vale il “via libera” al “Disco Platino”, dal titolo “Lario”

LEGGI ANCHE —–> Da Marracash a…Ronaldo: chi è Madame, duetto con Blind ad X Factor

Jacopo “Lazza”, il “boom” social e le curiosità di vita

Con ben 730 follower, la pagina di Instagram di Jacopo Lazzarini, meglio conosciuto alla piazza con il nome di Lazza è tra le più frequentate dagli utenti social, amanti della musica rapper e trap. Tante le foto scattate sotto la fitidica galleria “Vittorio Emanuele II” della sua amata Milano, con la sua seconda passione, “stampata” sulla pelle: il Milan. Dopo l’avvicinamento a tante “stelle” del mondo dello spettacolo, Lazza realizza il suo percorso verso la gloria. L’esordio nel campo della musica rapper lo vede protagonista con il brano “Destiny Mixtape”, ma il picco di carriera è tratto dal singolo “Porto Cervo”, realizzato insieme a Dolcenera e vetrina figurativa del fantastico mondo di “Re Mida”.

E’ proprio dai produttori del progetto discografico che Lazza riceve, dopo anni di sacrificio e sudore, la tanto agognata etichetta di “Disco Platino