Ricordate Silvano di Camera Cafè? In questo spot è irriconoscibile! – VIDEO

Un tempo c’era il Silvano di Camera Cafè: sfigatissimo in ogni sua apparizione davanti la macchinetta. Oggi è irriconoscibile, ma anche molto attento. 

Silvano Camera Cafè Spot Irriconoscibile
Silvano Rogi, in una puntata di Camera Cafè mentre prende un bacio da Patty (Fonte Facebook)

Ci sono personaggi, per lo più televisivi, che passano alla storia per averci fatto ridere, e non poco, in uno solo e unico programmo. Quei personaggi sfigati, interpretati però in maniera impeccabile. Sempre sfigati con le donne e impacciati con le parole. Quelli che rimangono incastrati nella porta dell’ascensore, si arrotolano per terra tra una pausa e l’altra e così via.

Leggendo queste frasi vi sarà sicuramente tornata in mente Camera Cafè, un programma con un format tutto suo che andava in onda su Italia 1 qualche anno fa. C’erano i famosissimi Paolo e Luca, la coppia fissa in ogni apparizione o conduzione televisiva. Ma c’era anche un altro personaggi che era l’idolo di molto, per la sua simpatia.

Parliamo di Silvano, da tutti conosciuto senza cognome. In realtà un cognome ce l’ha: Rogi. Colui che non ne azzeccava una neanche a imprecarlo. Impacciatissimo con la sua collega di lavoro. Sempre pronto a prendere qualche “mazzata”. Qualche giorno fa, però, è comparso in uno spot pubblicitario proprio sul Natale. E non solo.

Silvano di Camera Cafè racconta la pandemia sotto le feste: “un’altra persona”

Silvano Camera Cafè Spot Irriconoscibile
Silvano Rogi, in una puntata di Camera Cafè (Fonte Facebook)

Quando, girando per le strade della città, incontriamo un nostro amico d’infanzia mai più rivisto ed esclamiamo: “Porca paletta, non ti avrei proprio riconosciuto. Sembri un’altra persona”. Stessa affermazioni che molti hanno esclamato alla vista di Silvano Rogi nello spot di Unieuro sul Natale.

Silvano sembra molto più “muscoloso” di un tempo. Un fisico prorompente per qualche capello in meno. Ma quello che colpisce è il “cambio di personaggio”. Abituati a vederlo commettere gaffe su gaffe davanti la macchinetta del caffè di Italia 1, osservarlo su quel divano, mentre arriva il Natale, e raccontare la pandemia che tutta l’umanità era tenuta a sconfiggere ha commosso qualcuno di noi.

Nello sport, infatti, si ascolta Silvano, in un ipotetico futuro roseo e fuori dalla pandemia, raccontare a “suoi” bambini l’anno del coronavirus e di come le persone era rintanate nelle loro case, anche durante le feste, per poi potersi tornare ad abbracciare tutti assieme. Uno spot che punta a dare un futuro migliore ai bambini, con tanto di Silvano Rogi in una versione mai vista prima.

Impostazioni privacy