Saldi di gennaio 2021, tornano gli sconti: modalità e data d’inizio

I saldi invernali a gennaio 2021 tornano nei negozi con gli italiani pronti ad approfittarne: ecco le modalità e le date nelle regioni

Saldi gennaio modalità e data
Pubblicità Saldi @GettyImages

Anno nuovo e nuovi saldi per gli italiani, pronti ad approfittare dei tantissimi sconti per comprare quegli articoli prima proibiti, ma ora abbordabili con lo sconto. Come ogni anno la partenza dei saldi viene però divisa per regioni. Ad anticipare tutti è il Piemonte, che ha iniziato con gli sconti lo scorso 7 dicembre, anche se i saldi veri e propri partiranno dal 7 gennaio. In pole position poi ci sono Basilicata, Campania, Sicilia, Molise e Valle D’Aosta che partiranno il 2 gennaio, anche se nell’ultima regione elencata bisognerà comunicarlo al Comune prima. Seguono Abbruzzo, Puglia e Sardegna, che partono dal 5 gennaio. Ma alcune regioni rispetto ad altre partiranno con leggero ritardo sulla tabella di marcia.

Saldi di Gennaio 2021, Marche e Liguria ritardatarie: sconti liberi nella provincia autonoma di Trento

Saldi gennaio modalità e data
Pubblicità Saldi @GettyImages

Tra pochi giorni inizierà la corsa allo sconto migliore con la partenza dei saldi. In Umbria i saldi inizieranno il 9 gennaio, mentre ad essere le più ritardatarie d’Italia sono Marche e Liguria. Infatti le due regioni fanno rispettivamente partire gli sconti il 16 ed il 29 gennaio. Inoltre in terra ligure si vieta ai negozianti di fare sconti nei 30 giorni precedenti. Nella provincia di Bolzano invece i comuni non turistici possono partire 16 gennaio, mentre quelli turistici devono aspettare addirittura il 13 febbraio a causa delle stringenti norme anti-Covid. Infine nella provincia autonoma di Trento i saldi sono liberi, senza date d’inizio e fine. Dunque un piano ben preciso come ogni anno per far partire i saldi invernali che spingeranno gli italiani a cercare il miglior prezzo in circolazione approfittando dell’occasione invernale del nuovo anno ed a fare acquisti, così da far ripartire l’economia nazionale in difficoltà.