Capodanno anti Covid nel resort, incredibile iniziativa per il titolare

Ha fatto molto discutere nelle prime ore del nuovo anno la notizia del party di Capodanno anti Covid in un resort sul lago di Garda. Locale chiuso e gestore multato, ma prende piede un’incredibile iniziativa per il titolare.

ivan favalli
Screen video

Ha sdegnato l’opinione pubblica la notizia del party di Capodanno organizzato in modo clandestino in un resort di lusso sul lago di Garda. Una festa che, nelle intenzioni degli organizzatori, sarebbe dovuta rimanere segreta, con nessuna testimonianza diretta sui social network da parte degli ospiti. Sulle tavole c’era perfino un biglietto, una sorta di remainder che invitava tutti a non postare foto o video della serata su Facebook o Instagram.

Un’accortezza che evidentemente qualcuno non ha seguito, decidendo di pubblicare sui social qualche momento del party anti Covid. Dove non c’era nessuna osservanza delle regole anti contagio, con persone ammassate a ballare e senza mascherina.  L’intervento delle forze dell’ordine ne è stata la logica conseguenza, così come lo sdegno dell’opinione pubblica che ha colpito ospiti, organizzatori e il titolare del resort.

Il quale, nelle ore successive il fatto, ha provato a dare la sua spiegazione, sostenendo come avrebbe fatto i controlli del caso. Non ha potuto però evitare la chiusura del locale per 5 giorni e la multa. Ora però sul web prende piede un’incredibile iniziativa a suo favore.

Capodanno in resort, iniziativa per il titolare: “Fatelo Cavaliere

C’è qualcuno che invece prende le difese di Ivan Favalli, il gestore della struttura, al punto da chiedere pubblicamente sui social di nominarlo Cavaliere del Lavoro. Sui social sta impazzando l’hashtag #iostoconivanfavalli, simbolo di una “lotta” a quella dittatura sanitaria che in molti credono sia stata imposta dal Governo. Un europarlamentare della Lega scrive su Facebook: “…non si può condannare la disobbedienza di chi rivendica il diritto al lavoro. Per questo #iostoconIvanFavalli”. 

C’è chi su Twitter lo vorrebbe Cavaliere del Lavoro e chi invece lo sostiene e supporta in questo momento così particolare.