Mondo del calcio in ansia: il campione argentino è in gravi condizioni

Il mondo del calcio è in ansia: il campione argentino combatte per la vita contro il Covid. E’ in gravi condizioni, i tifosi attendono speranzosi

Mondo del calcio - Leopoldo Luque
Leopoldo Luque in azione (Getty Images)

Il mondo del calcio torna nuovamente in ansia per un suo ex campione, così l’Argentina che nel 2020 ha pagato un dazio decisamente elevato. Scomparsi in rapida successione prima Diego Armando Maradona, poi Alejandro Sabella, due icone del calcio albiceleste.

Il 2021, però, sembra aver riannodato i fili con il finale del 2020, almeno per quanto riguarda gli ex campioni sudamericani. E’ infatti ricoverato in gravi condizioni Leopoldo Jacinto Luque, 71enne Campione del Mondo nel 1978 con l’Argentina.

L’ex calciatore combatte, dallo scorso 25 dicembre, contro il Covid; i primi sintomi il giorno di Natale, poi il tampone ed il risultato positivo il 29 dello stesso mese. “Non potrò farmi il bagno in piscina” la sua battuta dopo aver contratto il virus. “Dovrò stare in isolamento una decina di giorni” le sue parole che, purtroppo, non si sono rivelate profetiche.

Mondo del calcio in ansia: Luque combatte contro il Covid

Leopoldo Luque - mondo del calcio
Leopoldo Luque (Getty Images)

L’uomo, infatti, ha iniziato un lento ma progressivo peggioramento delle sue condizioni, complice anche un precedente problema ai polmoni che aveva inevitabilmente indebolito il suo organismo. L’indice di saturazione ha iniziato ad abbassarsi oltre i livelli di guardia tanto da rendere necessario il suo trasporto nella Terapia Intensiva della Cuyo Clinic di Mendoza, dov’è ricoverato.

Attualmente è attaccato ai respiratori, il suo stato di salute si è aggravato e la febbre è molto alta. Prognosi riservata per Luque, in pericolo di vita anche se al momento gli altri organi non hanno ceduto ed è quindi stabile, pur grave. Nella sua carriera ha vestito le maglie del River Plate ma anche del Rosario Central, Racing di Avellaneda e Chacharita.

Leopoldo Luque - mondo del calcio
Leopoldo Luque (Getty Images)

Appesi gli scarpini al chiodo, anche esperienze da manager tra Argentino de Mendoza ed Independiente Rivadavia. La sua carriera, però, è inevitabilmente e soprattutto legata al Mondiale casalingo vinto in finale contro l’Olanda, in cui realizzò quattro reti. Ora per lui l’ennesima battaglia, quella più importante per la vita; dovrà aggredire la malattia come fosse l’area di rigore avversaria, segnare un gol sarebbe fondamentale.