App Immuni, attenzione al fake: il sito scarica un virus

Un altro allarme legato alla questione riguardante all’app Immuni: il sito scarica un virus che potrebbe essere davvero letale nel campo informatico.

App Immuni Virus
L’App Immuni (Fonte Facebook)

Al tema Covid-19, da tempo ormai, sono legate anche questioni che poco conosciamo. O meglio: le conosciamo per sentito dire, ma non siamo in grado di approfondire per mancanza di capacità tecniche e osservative. Dunque, non solo l’emergenza sanitaria, ma anche quella legata all’attacco informatico su tutto ciò che potrebbe riguardare la salvaguardia della salute da un potenziale contagio.

Parliamo ovviamente dei cyberattacchi, che arrivano direttamente dalle app scaricate. Quella che aveva messo in circolo il Governo, ma che aveva raggruppato solo 10 milioni di italiani, era Immuni.

All’inizio si diceva dover essere un ottimo vettore per controllare il coronavirus, poi non è andata a buon fine. Il numero non era di certo quello aspettato. Ma l’app Immuni potrebbe essere attacca da un altro tipo di virus, che ruba contatti e conti in banca. Quindi attenzione ad alcune mosse.

Il virus su Immuni: lo smartphone potenziale pericolo

App Immuni Virus
L’app Immuni subisce un cyber attacco (Fonte Facebook)

Il Covid-19 come arma per il crimine informatico. Purtroppo è la triste realtà. E questa volta al centro del dibattito c’è proprio l’app Immuni, scelta e scaricata sugli smartphone di milioni di italiani per prevenire il contagio o quantomeno arginarlo.

Secondo un allarme lanciato da Cert-Agid, la struttura del Governo che si occupa di cybersicurezza, i criminali informatici starebbero diffondendo una stessa versione dell’app con dentro un virus chiamato Alien. Un potenziale pericolo per il nostro smartphone, ma non solo: una volta impossessatosi del cellulare, il virus potrebbe attaccare il conto corrente e svuotarlo del tutto.

A segnalare la presenza di questa “fake Immuni” è stato il gruppo di ricercatori di Malware Hunter Team (MHT) attraverso un tweet. Poi, grazie al contributo di D3Lab, sono stati individuati i domini che ospitavano questa versione fasulla e dannosa dell’app Immuni. Non è la prima volta che si tenta un attacco informatico di questa portata e per ora l’allarme rimane alto.