Tommaso Buti, chi è l’imprenditore graziato da Donald Trump

Ha concesso la grazia a 73 persone nel suo ultimo giorno di presidenza, Donald Trump. Tra questi anche l’italiano Tommaso Buti: chi è e che cosa ha fatto

Tommaso Buti
Tommaso Buti (Twitter)

Tra poche ore Donald Trump lascerà (a malincuore) gli Stati Uniti in mano a Joe Biden. Durante il suo ultimo giorno di mandato, l’ex presidente ha concesso la grazia a 73 persone, commutando la condanna di 70 per un totale di 143 provvedimenti. Tra i tanti uomini “graziati” dal presidente uscente, anche Tommaso Buti, imprenditore italiano di Firenze. Per quanto riguarda il toscano, non era mai stato condannato negli States, ma accusato di frode finanziaria. Mentre in Italia fu condannato a 10 mesi per bancarotta fraudolenta.

Ma scopriamo insieme chi è l’imprenditore fiorentino che ha ricevuto la grazia addirittura da Trump. L’uomo era già noto alla stampa italiana sia per i suoi affari che per le sue vicende amorose, spesso legato sentimentalmente a strepitose modelle e soprannominato il “playboy”.

Tommaso Buti, l’imprenditore Playboy

Tommaso Buti e Claudia Galanti
Tommaso Buti e Claudia Galanti (Twitter)

E’ nato nel 1965 a Firenze, Tommaso Buti. Noto imprenditore toscano, ha avuto affari anche dall’altra parte dell’oceano negli anni ’90. La sua società Sfere ha dichiarato bancarotta negli scorsi anni, una bancarotta dichiarata dal giudice fraudolenta. Società usata insieme al fratello come un bancomat fino all’inevitabile crac. L’uomo è noto inoltre alle riviste scandalistiche per flirt di primordine con varie modelle e donne dello spettacolo, quali Naomi Campbell e Claudia Galanti.

Negli Stati Uniti, la stessa sorte di Sfere ha avuto il Fashion Cafè, pubblicizzato anche da volti noti come Claudia Shiffer e Christy Turlington. Su richiesta della magistratura di New York, Tommaso e il fratello furono arrestati nel 2000 in Italia, senza mai ricevere l’estradizione in USA.