Giovane trova la ragazza in un burrone: è giallo sulla fine della 17enne

Un giovane di soli 19 anni ritrova la ragazza di 17 anni scomparsa in un burrone: ora il ragazzo è uno dei principali indiziati

Carabinieri di notte @GettyImages

Sembrava poter rappresentare una svolta nelle indagini, invece proprio il colpevole potrebbe essersi presentato ai Carabinieri. Ma partiamo dal principio. Un ragazzo di soli 19 anni questa mattina si è presentato ai Carabinieri di Caccamo, in provincia di Palermo. Il ragazzo, abbastanza spaventato, ha chiesto alle autorità di seguirlo verso un terreno di campagna, e lì arriva la triste scoperta. Infatti il ragazzo appena maggiorenne ha ritrovato il corpo di una ragazza minorenne, Roberta Siragusa, di soli 17 anni. Ad inguaiare il giovane però è ovviamente il fatto che la vittima sarebbe la fidanzata del ragazzo che la ritrova all’interno del terreno. Ora sarebbe proprio lui uno dei principali indiziati per la morte della ragazza.

Ragazza trovata morta in un burrone: segni di bruciatura sul suo corpo

carabinieri
Carabinieri in azione (Fonte Facebook)

Un giallo circonda l’area di Caccamo, paese in provincia di Palermo. Infatti un ragazzo di 19 anni questa mattina si è recato in questura denunciando il ritrovamento di un cadavere di una ragazza di 17 anni, che sarebbe la sua fidanzata. Dalle prime indagini delle autorità, sembra che sul corpo della ragazza sia stati ritrovati dei segni di bruciature. Sul posto intervengono i Vigili del Fuoco, insieme al magistrato ed alla scientifica per effettuare i primi rilievi. Ora è proprio il giovane ragazzo ad essere uno dei primi indiziati per la morte della fidanzata, che ora verrà ascoltato nuovamente ed in maniera più approfondita dai Carabinieri. Una situazione ancora molto poco chiara per le autorità che continuano ad indagare ed a cercare indizi che possano ricondurre al colpevole, con il giovane fidanzato che sembrerebbe essere davvero nei guai, visto che lui stesso l’ha ritrovata nel campo.