Anne Hathaway svela un retroscena sull’Oscar vinto: “Non ero felice”

La confessione di Anne Hathaway. L’attrice avrebbe ammesso di essere stata piuttosto triste durante la consegna dell’Oscar nel 2013: le motivazioni

Anne Hathaway vince l'Oscar
L’attrice Anne Hathaway (GettyImages)

Dalla foto qui sopra non si direbbe essere stata troppo triste durante l’assegnazione del premio – che le ha sicuramente dato gioia dal punto di vista professionale. In realtà Anne Hathaway avrebbe recentemente confessato, in un’intervista al The Sun, di non essere stata molto felice durante la premiazione degli Oscar del 2013. Ma andiamo con ordine. L’attrice statunitense nel febbraio del 2013, riceve la nomination e vince l’ambita statuetta per Best Supporting Actress (miglior attrice non protagonista) grazie alla sua interpretazione nel film “Les Miserables”.

In quel periodo però, secondo quanto dichiarato dalla donna, molti fan e media erano contro di lei, definendola semplicemente antipatica. E’ stato proprio durante la consegna del massimo riconoscimento cinematografico però, che l’attrice si è quasi vergognata. “Mi sentivo in torto nel ritrovarmi con un abito esageratamente costoso – ha commentato – vincitrice di un premio per aver interpretato il dolore”.

Anne Hathaway ricorda la vittoria agli Oscar: “Fingevo di essere felice”

Anne Hathaway star walk of fame hollywood
L’attrice Anne Hathaway (GettyImages)

Una delle più classiche crisi esistenziali sul palco degli Accademy. Non è la prima e non sarà l’ultima, Anne Hathaway, ad aver fatto i conti con le ipocrisie di Hollywood. “Ho vinto per aver interpretato il dolore umano – riflette al Sun – eppure mi trovavo lì con un abito che costava più di quanto molte persone vedranno mai nella loro vita”. L’industria cinematografica da anni è protagonista di incongruenze etiche di tutti i tipi.

Premiando film drammatici acclamati dalla critica per le tematiche sociali (omosessualità e razzismo), ma portando di fatto avanti un’ideale completamento opposto – vedi il boicottaggio di Spike Lee nel 2016 e la premiazione di Marlon Brando. Critiche a parte sull’Accademy, che anche quest’anno ha rivisto i criteri delle nomination, la Hathaway ha confessato di essere stata molto giù al momento della premiazione, vivendo quel periodo con grande tristezza anche a causa degli attacchi dal mondo del web.