Omicidio Palermo, la svolta nelle indagini è da brividi: riguarda il fidanzato

Continuano le indagini sull’omicidio di Palermo, sarebbe uscito un video che potrebbe incastrare il fidanzato della vittima.

omicidio palermo
Polizia (Fonte GettyImages)

Nel caso dell’omicidio di Roberta Siragusa spuntano nuove evidenze che potrebbero incastrare definitivamente il fidanzato 19enne. Si tratta di un video nel quale si vede la macchina di Pietro Morreale passare più volte nella zona dove è stato ritrovato il corpo della 16enne. Il ragazzo per ora è in stato di fermo con l’accusa di omicidio volontario e occultamento del cadavere.

Dai filmati raccolti dai carabinieri di Termini Imerese, si vede la Fiat di Morreale passare una prima volta alle 2:37 per poi ripassare alle 2:43. La stessa macchina è stata vista nuovamente sul luogo verso le 3:28 e le 3:40. La scorsa domenica è stato proprio il ragazzo a recarsi dai carabinieri dicendo che la sua ragazza era morta e li aveva portati sul luogo delitto.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE>>> Trovata senza vita in un burrone, il giallo s’infittisce: fermato il fidanzato 19enne

Amici e parenti confessano che il fidanzato la picchiava

Siamo di fronte all’ennesimo caso di una donna, in questo caso  una ragazzina, che muore per mano di un uomo. Le indagini sull’omicidio di Roberta Siragusa continuano, ma si fa sempre più chiara la strada che vede come assassino il fidanzato diciannovenne. Intanto la famiglia e gli amici rilasciano dichiarazioni forti. Pietro Morreale, secondo gli amici, era violento e aveva picchiato già in precedenza Roberta lasciandole segni evidenti. Una sua compagna aveva consigliato alla 17enne di lasciare il fidanzato, convinta che la violenza sarebbe perpetuata.

Pietro Morreale, il 19enne accusato di omicidio e occultamento di cadavere, ha raccontato ai carabinieri che i due si erano appartati. Roberta poi sarebbe uscita dalla macchina e si sarebbe data fuoco da sola. La versione però non combacia con quello che ha raccontato alla mamma, ovvero che aveva accompagnato la ragazza a casa intorno alle due. Ma c’è un altro dettaglio che non quadra, nonostante i jeans di Roberta siano bruciati, sul luogo non c’erano tracce di un incendio.