Riapertura ristoranti, c’è la svolta: annuncio ufficiale

Nelle regioni da poco entrate in zona gialla i ristoranti possono riaprire per il servizio di pranzo. Ora c’è attesa della riapertura dei locali anche la sera: svolta in arrivo?

ristoranti chiusura
Ristorante in chiusura (gettyimages)

In molte zone d’Italia, nelle regioni da poco entrate in “giallo”, i ristoranti hanno rialzato le serrande dopo oltre un mese di inattività. Una riapertura che significa un inizio di ritorno alla normalità per molti ristoratori e imprenditori, costretti a chiudere prima di Natale e con i fornelli spenti per più di 40 giorni. Negli ultimi giorni abbiamo parlato con alcuni chef, proprietari di locali, che ci hanno espresso il loro malessere per la situazione attuale. Da qualche giorno molti di loro hanno potuto riaprire per pranzo, ma tutta l’attenzione è per il servizio della cena. Quella che a tanti garantisce i veri introiti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Crisi e chiusura: cosa succede in un ristorante stellato

Ora la svolta potrebbe finalmente arrivare. Il vice ministro della Salute Sileri ha annunciato come la riapertura dei ristoranti anche la sera può essere possibile, a maggior ragione con il proseguio della campagna di vaccinazione. “Col progredire della vaccinazione, devono, ripeto devono, e sottolineo devono, riaprire i ristoranti anche la sera”. Una “benedizione” importante e significativa quella di Sileri, ma rimane incertezza per quanto riguarda la data.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Chef Andrea Fanti: “Covid e ristorazione, quante difficoltà”

Riapertura ristoranti, proteste degli imprenditori

Intanto negli ultimi giorni si sono registrate le “proteste” di vari proprietari di locali, che sono tornati ad accogliere i clienti la sera contravvenendo alle norme anti Covid. A Bolzano, Milano e Modena in particolare i casi più recenti, che hanno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine e la sanzione per tutti i contravventori.

In particolar modo in un ristorante di Modena è stata organizzata una cena “anti Stato”: il tutto filmato e postato sui social, compresi cori dei clienti contro il Governo, e senza il rispetto delle norme base anti contagio.