Diletta ed Eleonora Incardona, che spavento: c’è uno sviluppo nelle indagini

Arrivano importanti sviluppi sui furti subiti da Diletta Leotta ed Eleonora Incardona. A cosa hanno portato fino a ora le indagini

Eleonora Incardona Compleanno
La modella Eleonora Incardona (getty images)

Un gruppo di malviventi ha razziato diverse abitazioni a Milano, nel mese di dicembre. I ladri hanno colpito molti vip e personaggi famosi residenti a Milano, tra cui Diletta Leotta ed Eleonora Incardona, insieme al calciatore dell’Inter Hakimi. La Mobile ha negli scorsi giorni però fermato persone, dopo aver già intercettato il quarto componente della banda. Le forze dell’ordine hanno trovato diversi oggetti appartenenti alla giornalista, all’influencer e al terzino dell’Inter.

Fondamentali per l’arresto dei ladri è stata una telecamera di sorveglianza. La banda era solita razziare le vie più in del centro di Milano, come via San Nicolao, dove due uomini sono stati colti in fragrante mentre si arrampicavano dalla finestra di un’abitazione. Il video, diffuso dalle forze dell’ordine, mostra infatti due individui entrare in un appartamento dopo essersi intrufolati dalla finestra del primo piano.

Furto in casa Diletta e Incardona: trovata la refurtiva

Auto carabinieri in primo piano
Un’auto dei carabinieri (Pixabay)

Gioielli, orologi costosi, ma anche borse a altri oggetti personali. A breve le malcapitate vittime dei furti potranno procedere al riconoscimento degli oggetti. Le forze dell’ordine hanno infatti fermato altri uomini, di origini dell’est, confiscando diversi oggetti costosi tra cui rolex e la cassaforte con i gioielli non ancora piazzati.

I pm Francesca Crupi e Sabrina Ditaranto hanno dunque fermato quattro componenti della banda, che negli ultimi mesi aveva seminato il panico tra le zone lussuose di Milano. Tre componenti sono di nazionalità serba, mentre il quarto –  Shkelzen Kastrati – era già in stato di fermo dallo scorso 27 gennaio, beccato nel vicentino prima di procedere a una rapina ai proprietari di una villa.