Gelmini, che gaffe durante il giuramento da Ministro: poi si corregge -VIDEO

Giornata importante per i nuovi Ministri della Repubblica italiana: durante il giuramento Mariastella Gelmini fa una gaffe

Gelmini gaffe giuramento
Mariastella Gelmini in un’intervista (Instagram)

Il nuovo Governo tecnico guidato da Mario Draghi è pronto a partire. Nei giorni scorsi infatti c’è stata la votazione, in cui ha vinto il sì, e la scelta dei Ministri da parte del nuovo Premier. Oggi invece arriva oggi il giuramento al Quirinale. Tutti i Ministri scelti infatti hanno dovuto recitare la formula in cui si giura la fedeltà alla Repubblica e l’osservazione della Costituzione e delle  leggi per l’interesse della nazione. Tra tutti i giuramenti, spicca quello di Mariastella Gelmini, scelta come Ministra degli Affari generali e Autonomie. Infatti la nuova Ministra quando viene chiamata dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, forse presa dall’emozione, ha un lapsus che la porta ad una gaffe inaspettata, e poi corretta.

Mariastella Gelmini, gaffe durante il giuramento: dimentica le parole e poi si riprende

L’emozione nel diventare uno dei Ministri della Repubblica italiana è sicuramente molta, anche se non è la prima volta, come nel caso di Mariastella Gelmini. Infatti dal 2008 al 2011, nel Governo guidato da Silvio Berlusconi, la Gelmini viene nominata Ministra dell’istruzione, dell’università e della ricerca, con non poche critiche per il suo operato. Oggi la nuova Ministra degli Affari generali e Autonomie, ha giurato la propria fedeltà alla Repubblica, davanti al presidente della Repubblica, Sergio Matarrella. Quando viene chiamata però arriva un lapsus che non sfugge ai presenti e non solo. Infatti la Gelmini prova a recitare il giuramento a memoria, ma quando inizia ricorda solo: “Giuro di essere fedele alla Repubblica e di…”, fermandosi qui. Così è costretta a continuare il giuramento leggendo il foglio posto davanti a lei. Un lapsus che naturalmente sarà stato dettato dall’emozione. A seguito del giuramento si svolge il primo Consiglio dei Ministri.