Addio a Mauro Bellugi: la storia drammatica di un grande campione

L’ex calciatore Mauro Bellugi scompare dopo una lunga battaglia, che lo ha portato a perdere le gambe: una storia drammatica quella del campione

Covid Mauro Bellugi arti Inter
Mauro Bellugi (Instagram)

Il mondo del calcio piange la scomparsa di Mauro Bellugi, ex giocatore degli anni ’70 ed ’80. L’ex difensore è stato campione d’Italia con la maglia dell’Inter, che ha indossato dal 1967 al 1974, crescendo proprio nelle giovanili del club interista. Inoltre, dal 1974 al 1979 ha militato con la maglia del Bologna, per poi passare un anno al Napoli ed uno alla Pistoiese, dove è stato vice allenatore per un anno. La sua è una storia drammatica. Infatti da tempo soffriva di una malattia del sangue, che a causa del Covid è peggiorata, fino a portarlo all’amputazione di entrambe le gambe. Proprio quando le sue condizioni sembravano essere migliorate, è arrivato l’improvviso peggioramento che lo hanno portato prima nuovamente in sala operatoria, e poi a perdere la vita. Il mondo dello sport e non solo si stringono per la dolorosa perdita.

Addio a Mauro Bellugi, storico difensore del calcio italiano: il suo racconto commosse l’Italia

Mauro Bellugi Amputazione Gambe
Mauro Bellugi durante un intervento difensivo con la maglia della nazionale italiana (Getty Images)

Il mondo del calcio e dello sport intero dicono addio a Mauro Bellugi, ex calciatore scomparso all’età di 71 anni. Recentemente a ‘Sportmediaset’ ha raccontato la sua storia, dichiarando: “Il Covid ha aggravato la mia situazione, ma non voglio morire. Quando i medici sono arrivati in stanza mi hanno detto che avevo un’ora per decidere, perché avevo le gambe in cancrena fino all’inguine, quindi bisognava amputare. Il dottore mi ha chiesto se volevo vivere o morire, ed io ho risposto che di morire non avevo voglia, io scherzo su tutto. Le cose succedono, non ci si può fare niente. Grazie a Dio non sono preoccupato e per il momento l’ho risolta”.