Massimo Ghini, che dramma: il figlio ricoverato dopo una festa

Sta vivendo un vero e proprio dramma Massimo Ghini, che è preoccupato per le condizioni di salute del figlio, ricoverato dopo una festa

Massimo Ghini figlio
Massimo Ghini con la mascherina contro la violenza sulle donne (Instagram)

In questo lungo anno in cui il Covid è stato assoluto protagonista, ci siamo resi conto di come anche i personaggi del mondo dello spettacolo non siano invincibili, ed il virus colpisce anche loro. Questa volta a vivere un vero e proprio dramma è l’amatissimo attore romano Massimo Ghini, che sta vivendo in prima persona le terribili conseguenze del Covid. Infatti uno dei suoi figli, un ragazzo di 25 anni, ha contratto il virus, ed ora è ricoverato in un Covid Hospital. L’attore ai microfoni di ‘Adkronos rivela: “Dopo che mia figlia non riusciva a rientrare in Italia da Londra, ora mio figlio di soli 25 anni è in ospedale con una polmonite bilaterale dovuta proprio al Covid”.

Massimo Ghini, il dramma del figlio col Covid: attaccata la politica

Massimo Ghini figlio
Massimo Ghini con espressione seria (Instagram)

Un vero e proprio dramma quello che sta vivendo Massimo Ghini, a causa della positività al Covid del figlio di 25 anni, che ha contratto una polmonite bilaterale. L’attore ad ‘Adkronos’ dichiara: “Il virus colpisce anche i giovani, non solo gli anziani, ed è pericoloso. In una situazione come questa la politica dovrebbe occuparsene in primis di questa emergenza nazionale”. Sulla situazione del figlio afferma: “È nato tutto da una serata tra amici che hanno voluto organizzare visto che non ne potevano più. Hanno fatto tutti il tampone rapido ma non è servito. Dopo essere risultato positivo stava bene, ma abbiamo sentito il medico di base e lo abbiamo portato in ospedale, dove gli hanno diagnosticato la polmonite bilaterale. Ora sta meglio ed è in quarantena in un Covid Hotel”. Infine l’attacco alla politica: “Penso che visto quello che ci aspetta l’unico partito esistente sia il PD. Se sei un movimento funzioni solo se ti muovi verso qualcosa, ma i 5 Stelle non lasciano le poltrone. Credo ci sia bisogno di fare il Congresso, storicamente sono appartenente alla sinistra”.