Covid, la città viene invasa dalla folla: interviene la polizia

Massicci assembramenti a Milano nonostante l’aumento dei contagi Covid. L’intervento delle forze dell’ordine si è alla fine reso necessario

professionisti del settore sanitario
professionisti del settore sanitario (getty images)

Nonostante l’aumento dei contagi da Covid-19, nonostante la minaccia delle varianti ad alto tasso di contagiosità, oggi a Milano si è assistito al susseguirsi di assembramenti lungo la Darsena.

La Lombardia si trova in zona arancione rafforzata da venerdì scorso e ciò non sembra aver rappresentato un problema per i tanti che oggi si sono riversati lungo i Navigli del capoluogo lombardo. Vi erano coppie, genitori, bambini, tutti intenti a fare la passeggiata della domenica, complice anche la bella giornata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Covid, il leader mondiale si vaccina con AstraZeneca: “Siate coraggiosi”

L’intervento delle forze dell’ordine in Darsena

professionisti del settore sanitario lavorano
Professionisti del settore sanitario (getty images)

La Lombardia è una delle cinque regioni che, come si evince dal bollettino di oggi, ha fatto registrare il maggior numero di casi Covid. La tensione continua essere alta e le forze dell’ordine monitorano la situazione per le strade, cercando di impedire che si creino assembramenti e tentando di vigilare anche sul corretto utilizzo della mascherina.

La situazione di oggi in Darsena è stata talmente difficile da gestire che la polizia è stata costretta a posizionare delle transenne per limitare i punti di accesso per i Navigli. Si è quindi organizzato il flusso in entrata e in uscita tramite contingentamento.

Ad un anno dallo scoppio della pandemia c’è tanta voglia di tornare alla normalità. Con la minaccia delle varianti del virus e con l’impennata dei contagi, però, un ritorno alla vita pre-Covid sembra essere ancora un miraggio.

La campagna vaccinale, intanto, continua e il Ministro Speranza ha oggi dichiarato a “Mezz’ora in più”, ospite di Lucia Annunziata, che il vaccino Astrazeneca potrà essere inoculato anche a coloro che hanno superato i 65 anni di età.