Sabrina Salerno, il vestito è davvero corto: luci addosso – FOTO

Sabrina Salerno con un vestito davvero corto si presenta davanti ai suoi follower: le luci addosso la rendono ancora più sensuale.

Sabrina Salerno Vestito Corto
Sabrina Salerno in canotta celeste (Screenshot Instagram)

Anche quest’anno il Festival di Sanremo è ormai giunto a conclusione. Ci sono e ci saranno sempre ospiti che volevano partecipare e altri che hanno partecipato. Alcuni che aspettavano la chiamata e altri che non potevano fare a meno di esserci, e alla fine ci sono stati. Alla fine qualcuno si accontenta, altri no, così è la vita… almeno dicono.

Come ospite e non come conduttrice c’è stata anche Sabrina Salerno, che è salita sul palco dell’Ariston assieme a Jo Squillo. Un duetto davvero inedito, ma più che affiatato. La showgirl italiana non manca mai all’appuntamento della kermesse italiana, soprattutto con Amadeus sul palco.

Ma, poi, ha da fare i conti anche con il suo profilo social di Instagram, seguito da più di 750mila persone. La Salerno tiene sotto scacco tutti quanti. Da un momento all’altro si sa che apparirà. E infatti viene a galla con un vestito davvero corto. Luci puntate addosso. Qualcosa di bello è all’orizzonte. La conferma viene dalle sue parole, scritte in inglese.

Presto qualcosa di bello: Sabrina Salerno lo annuncia col vestito corto

“Coming soon”, si legge in didascalia. Presto qualche novità da parte di Sabrina Salerno, che per ora lo annuncia mostrandosi con un vestito davvero corto, che richiama l’attenzione verso qualche tribù dei tempi antichi. Anche tante croci intorno al collo. Sembra davvero un rito tribale.

Lei, però, come sempre non si risparmia. Un occhio anche alle gambe, ma lei stessa, in un altro post, inneggiando alla Festa della Donna dice: “Oltre alla gambe c’è di più”. Tutti si chiedono che cosa.

Eccola qui. La Salerno in un selfie con la sua amica e compagna di viaggio sul palco dell’Ariston, Jo Squillo. Le due sono felici insieme, e anche l’abito, di entrambe, sembra essere sincronizzato. Oltre le gambe c’è di più?