Covid, arriva il passaporto vaccinale: cos’è e come funziona

Mentre la morsa del Covid continua a tenere sotto scacco l’intero Paese, le autorità mediche e sanitarie avvisano dell’arrivo della terza ondata. Intanto c’è chi adotta il passaporto vaccinale: cos’è e come funziona.

Vaccini Covid
Vaccini Covid (Getty Images)

In Italia ci si prepara ad affrontare la terza ondata dell’epidemia da Covid. Le varianti in circolazione, inglese e brasiliana su tutte, hanno contribuito a far salire nuovamente la curva dei contagi (che negli ultimi giorni si sono assestati sui circa 20 mila a bollettino) con la cifra dei 100 mila decessi da inizio pandemia che è stata superata proprio ieri. Numeri allarmanti che stanno spingendo il Governo verso nuove strette, che verranno adottate probabilmente alla fine di questa settimana se i numeri non dovessero calare. La campagna di vaccinazione intanto prosegue spedita, con oltre 5 milioni di dosi totali che sono state somministrate dalla fine di dicembre.

In Cina, nel frattempo, si va verso l’adozione del cosiddetto passaporto vaccinale, un certificato che proverà come il possessore abbia ricevuto il farmaco e sia, di fatto, immune al Covid. Il Ministro degli Esteri di Pechino ha ammesso che questo nuovo mezzo, che può essere cartaceo o digitale, ha l’obiettivo di “… aiutare a promuovere la ripresa economica mondiale e a facilitare i viaggi oltre confine”.

Il passaporto non è obbligatorio e può essere richiesto da chiunque tramite la piattaforma WeChat.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Terza ondata Covid in Italia: lo studio americano

Covid in Italia, oggi riunione del CTS: le opzioni

Intanto oggi è prevista una riunione del Comitato Tecnico Scientifico. Al vaglio le varie ipotesi per cercare di contenere l’aumento dei contagi delle ultime settimane. Si parla di un coprifuoco anticipato alle ore 19:00 (durante i weekend) e di un’ipotetica zona rossa su tutto il territorio nazionale, con chiusure generalizzate nei fine settimana.

Resta viva quindi l’ipotesi lockdown nei fine settimana, con l’appello delle autorità mediche che chiedono un “tutti a casa” generale per tre settimane al fine di intensificare e accelerare la campagna di vaccinazione. Aggiornamenti sono quindi previsti al termine della riunione.