Un anziano muore intossicato, moglie e figlio gravi: cosa è successo

Tragedia ad Ancona. Un anziano è morto intossicato mentre la moglie e il figlio sono ricoverati all’ospedale in gravi condizioni

Soccorritori all'interno di un'ambulanza
Soccorritori all’interno di un’ambulanza (getty images)

Una immane tragedia si è consumata in quel di Ancona ieri sera. Un uomo anziano è stato ritrovato morto adagiato sul letto di casa sua dai soccorritori. La Croce Gialla, il 118 e il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco si sono prontamente ritrovati sul luogo dell’incidente. L’abitazione della vittima si trova al secondo piano del palazzo di via Cupramontana 12, nel capoluogo marchigiano.

La moglie del deceduto, una donna di 80 anni, è attualmente ricoverata in gravi condizioni. Anche il figlio della coppia, un uomo di 49 anni, è in ospedale in condizioni critiche. Entrambi sono stati trasportati in ospedale dai soccorritori in codice rosso avanzato. Le gravi condizioni in cui versavano i due erano quindi chiare fin dal primo soccorso.

Una volta arrivati, il figlio quarantanovenne ha mostrato alcuni cenni di miglioramento, seppur le critiche condizioni rimangono tuttora confermate. Anche la situazione della madre ottantenne, purtroppo, rimane grave.

Le cause dell’incidente che ha causato la morte dell’anziano uomo

Ambulanza pronta ad intervenire
Ambulanza pronta ad intervenire (getty images)

A causare la morte dell’uomo di 80 anni e le gravi condizioni della sua famiglia composta da moglie e figlio, sarebbe stata, secondo le prime ricostruzioni, l’esalazione di monossido di carbonio proveniente da una caldaia.

L’animale domestico della famiglia, un piccolo cagnolino, è rimasto stordito anche lui dalle esalazioni. Fortunatamente si è ripreso in tempi brevi, dopo essere stato portato all’aria aperta da alcuni inquilini dello stesso condominio che hanno così mostrato collaborazione e solidarietà.

Ora c’è molta apprensione per le sorti di questa famiglia. Dopo la perdita del padre, si spera che le condizioni di madre e figlio possano migliorare al più presto.