Covid-19, il bollettino del ministero Della Salute del 15 marzo 2021

Oggi il bollettino registra meno casi a fronte di un numero minore di tamponi eseguiti. Aumenta però il tasso di positività, che sale all’8,5%.

Covid 19 bollettino
I dati del bollettino odierno pubblicati da YouTrend (fonte: Twitter)

Nelle ultime 24 ore i nuovi positivi al coronavirus, in Italia, sono 15.267 su un totale di 179.015 test (molecolari e antigenici) effettuati. Il lunedì vengono sempre processati meno tamponi a causa della chiusura della maggior parte dei laboratori nel weekend. A fronte però della diminuzione dei casi, cresce il tasso di positività (rapporto positivi/tamponi effettuati) che oggi si attesta all’8,5%. Ieri era stato del 7,78%.

Cresce invece il numero delle vittime, che sfonda ancora una volta quota 300. Oggi sono 354, ieri invece erano state 264. Preoccupano anche i ricoveri in terapia intensiva che rispetto a ieri sono 75 in più (differenza dimessi e nuovi ricoveri) a fronte di 243 nuovi ingressi .

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Vaccino Astrazeneca, decisione UFFICIALE in tutta Italia

Contagi covid-19 in aumento, picco della terza ondata in arrivo

Il numero degli attualmente positivi in Italia è a oggi di 530,357 persone, di cui la maggior parte asintomatici e 3.157 ricoverati in terapia intensiva. Primo giorno di zona rossa, oggi, per dieci regioni italiane più la provincia autonoma di Bolzano. Le restanti invece in zona arancione a parte la Sardegna, che resta bianca grazie alla bassa incidenza dei contagi. La terza ondata della pandemia, secondo gli esperti, sta già rallentando la sua crescita e il picco è atteso entro la fine di questa settimana.

Preoccupano le terapie intensive in parecchie regioni, vicine alla soglia critica e preoccupa ancora di più il momentaneo stop dell’Aifa alla somministrazione del vaccino Astrazeneca nel mezzo di una campagna vaccinale già in affanno a causa della scarsa disponibilità delle dosi. Domani l’Ema dovrebbe esprimere un nuovo parere che, se dovesse essere positivo, potrebbe riavviare l’inoculazione del siero anglo-svedese.